Fiume di gasolio sporco e pericoloso in Campania: «Motori rotti e mercato ko»

di Claudio Coluzzi

5
VIDEO CORRELATO - Contrabbando di Gasolio, 7 arresti a Napoli





Un «fiume» di gasolio di contrabbando dalla Polonia, attraverso il valico di Fernetti a Trieste, discende la Penisola, destinazione Campania.

Non viaggia in autocisterne, darebbe troppo nell’occhio, ma in contenitori di polietilene di forma cubica nascosti in camion telonati. All’apparenza quei Tir, con targa polacca e condotti da autisti della stessa nazionalità, trasportano generi alimentari. E il fenomeno è impressionante per la sua consistenza, oltre che pericolosità.



Solo nel novembre scorso la Guardia di Finanza di Caserta ha sequestrato 112 mila litri di gasolio di contrabbando, 1.200 litri di oli lubrificanti, un deposito di 1.500 metri quadrati e un capannone di 700 tra le province di Napoli e Caserta, tre autoarticolati, due autocisterne e sette automezzi, nonché 52.000 euro in contanti. Una decina di persone in manette, autisti polacchi e trafficanti campani. Un’organizzazione temibile e ben ramificata. Quel gasolio, di pessima qualità e allungato con acqua o toulene, finisce nei serbatoio delle nostre auto.



E manda in tilt i motori, inquina l’aria, rischia di provocare incidenti stradali per le ridotte prestazioni delle vetture. Senza contare centinaia di milioni di euro di evasione sulle «accise», ossia le tasse governative, e il danno ai benzinai onesti in termini di concorrenza fraudolenta.



CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL
Lunedì 1 Dicembre 2014, 08:22



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2014-12-01 13:16:00
campania felix..... terra di ladri, imbecilli, autodistruttori ,ultima in tutte le classifiche che denotano il tenore di vita....sembra impossibile che un popolo possa fare tanto male a se stesso e poi incolpare solo le istituzioni , e sembra impossibile a questo punto che la democrazia e la libertà possano influire in qualche modo alla ricostruzione di questa regione . E' un vero sconforto sentire che un'altra organizzazione criminale ,seppure favorita e supportata da quella locale, possa attraversare l'intera penisola e percorrere oltre 1000 km con tutti i rischi derivanti, per venire a delinquere in campania come se la campania fosse l'unico posto al mondo dove si consuma gasolio: è veramente desolante accorgersi di come siamo stimati e come siamo trattati.
2014-12-01 17:19:00
Dopo tutti i danni... Innumerevoli ad ignari automobilisti ( tra cui il sottoscritto) : REVOCA a tempo indeterminato della LICENZA ai benzinai sorpresi con carburante adulterato!!!!!!!!!!!!!
2014-12-01 17:37:00
Ma queste immagini sono vecchie... anzi sempre le stesse......
2014-12-01 22:10:00
ACQUA? Ancora con la storiella dell'acqua nel gasolio,in nessun caso e nessun modo l'acqua si può miscelare con la benzina o gasolio, i due lubrificanti hanno un peso specifico diverso dall'acqua sono molto più leggeri , Basta fare una semplice operazione versare 100 grammi di prodotto petrolifero e 100 grammi di acqua in un bicchiere (non di plastica) e si vedrà subito che l'acqua si differenzia nettamente dal prodotto petrolifero posandosi sul fondo, in conclusione si vende solo gasolio e dopo solo acqua .
2014-12-01 22:36:00
sciocchezze abnormi è impossibile che il motore dell auto si rompa, esistono dei filtri carburanti veramente sofisticati che separano l acqua dal gasolio al 100% oltre il fatto che il gasolio e l acqua non sono miscibili ma l acqua si deposita sul fondo ed è chiaramente visibile se c'è...e poi se si vuole annacquare il gasolio è possibile prenderlo anche dal distributore sotto casa...quante sciocchezze sul gasolio.il toluene lo mischiano da una vita nella benzina e se volete far euna prova mettete un paio di gocce di benzina a terra e vedete se evapora tutta o se lascia un alone di olio, se lascia tracce di olio significa che è stata mischiata con toluene a napoli il 90% dei benzinai lo fa perchè il toluene dovrebbe essere smaltito a caro prezzo dalle raffinerie ma sottobanco viene dato gratis ai benzinai.

QUICKMAP