La signora Antonietta: «Ho detto no a Bill Gates, dono la necropoli a Pompei»

di Susy Malafronte





«Ho detto no a Bill Gates. Ho preferito ai soldi l’affetto e i sentimenti. Per questo ho donato la mia necropoli alla Soprintendenza». La signora Antonietta Nunziata, proprietaria della «Necropoli» che sorge nel suo agrumeto, al confine con la città antica, anteponendo i sentimenti al denaro ha svenduto il suo pezzo degli scavi alla soprintendenza archeologica di Pompei, rinunciando all’offerta stratosferica proposta da Bill Gates.







«Gli scavi sono patrimonio di Pompei e tali devono rimanere – ha spiegato la vivace 83enne – non potevo vendere un pezzo di storia agli americani, mio marito non avrebbe voluto».




CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL
Martedì 20 Gennaio 2015, 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2015-01-21 16:11:00
Apprezzare.. ..non bisogna fare altro, di questi tempi... poi ! Augurandosi che chi di dovere... dia il giusto valore a tale gesto.
2015-01-21 11:48:00
Povera signora Consigliata malissimo, se qualcuno le avesse detto che affidandolo alla sovrintendenza gestita da burocratii, inetti e inutili, incapaci di vedere oltre il naso, che non sanno che cosa fanno all'estero con le pochissime opere d'arte che hanno, e quanti visitatori ogni anno invadono i loro piccoli musei, non avrebbe preso la insensata decisione di lasciarla ai burocrati attaccati solo alla loro poltrona. Che madornale errore. Bill Gates atraverso la sua fondazione ne avrebbe fatto un gioiello che il mondo avrebbe ammirato. Mica se lo sarebbe portao in America?
2015-01-21 09:03:00
Onore alla Sig.ra ma un brivido gelido alla schiena Per prima cosa voglio dire grazie alla Sig.ra che ha dimostrato senso civico, detto questo una riflessione è d' obbligo. L' Italia ha un patrimonio artistico che il mondo ci invidia gestito in maniera pessima nonostante i tanti proclami dei vari governi. Perché non affidiamo Pompei, la sua Necropoli, l' anfiteatro di Pozzuoli e di Cuma, l' Antro della Sibilla Cumana, il Museo Archeologico di Napoli, il Museo Filangieri etc.etc. a società private? Aziende che abbiamo chiaro il potenziale commerciale, che possano organizzare tour da vendere agli alberghi, che possano creare quegli orribili gadget che piacciono tanto ai turisti, che possano organizzare show luci e musica come fanno da decenni in altre parti del mondo (ad es. nello Yucatan)? Il patrimonio artistico e archeologico della Campania è immenso ma ogni volta che visito un museo o un sito archeologico il sentimento di rabbia e di tristezza per lo spreco di risorse è enorme.
2015-01-20 17:49:00
ha sbagliato mica Bill Gates se la portava in America e certamente la avrebbe tenuta meglio
2015-01-20 17:13:00
L'ha destinata allo sfacelo. Come tantissimi siti (Pompei in testa) che non siamo capaci di gestire.

QUICKMAP