«ConCertosa»: la festa dell'armonia ha per protagoniste le orchestre infantili

di Donatella Trotta

Un allegro e corale ciclo concertistico a misura di bambine e bambini, per la gioia anche degli adulti. Una iniziativa nata per celebrare (prima, durante e dopo) la grande Festa europea della musica del 21 giugno con tre appuntamenti ospitati in uno dei luoghi più incantevoli della città: la terrazza panoramica della Certosa di San Martino, antico Belvedere dei monaci arroccato sul panorama mozzafiato del Golfo di Napoli.



Si intitola - con un grazioso gioco di parole che adombra fra il resto il profondo spirito comunitario sotteso all’iniziativa - «ConCertosa» la rassegna delle orchestre infantili di Napoli che per tre domeniche mattina, a partire da domani (alle ore 10.30), avrà come protagonisti tre gruppi giovanili che hanno fatto tesoro di un convincimento del violinista Yehudi Menuhin, ideatore nel 1994 di un progetto di integrazione sociale e interculturale attraverso la pratica musicale: «Ogni singola vita è un’opera d’arte che attende di essere espressa».



I gruppi di musicisti in erba sono la ScalzaBanda, Sanitansemble e Musica libera tutti, coinvolti nella meritoria iniziativa dal Polo museale della Campania e dall’Associazione onlus Amici di Capodimonte (info: 081/7499147-334 8353769) con il patrocinio del Comune di Napoli e la collaborazione di Le Nuvole Teatro stabile di innovazione e delle aziende Armando Scaturchio, Chikù gastronomia cultura tempo, Ciro Poppella e AgriPromos. Tra gli obiettivi, la valorizzazione di tre esperienze di forte inclusione sociale accanto alla promozione di un sito storico-artistico e architettonico dove la bellezza è di casa.



Si comincia dunque domani mattina alle 10.30 con la ScalzaBanda: singolare banda musicale di bimbi e bimbe del quartiere Montesanto nata nel febbraio di tre anni fa, che attualmente comprende un gruppo di 75 ragazzini dai 5 ai 16 anni provenienti da contesti sociali molto eterogenei. Un’esperienza pilota di pratica artistica, estesa anche ad adulti principianti (la «ScalzaBandona») e capace di «allargarsi», in occasioni di feste di quartiere, a ben 120 elementi tra i cinque e i 75 anni. Gemellata con il progetto italo-sudamericano di alta formazione in musica «Fronteras Musicales Abiertas», impegnata in più occasioni nelle quali si è esibita, ad esempio, con lo scrittore Stefano Benni nel «Cyrano de Bergerac» e con la brass band afro-beat di Parigi «Les Vilains Chicots», nel 2014 la ScalzaBanda ha ideato e organizzato il MusBa Fest, primo festival delle bande e orchestre giovanili della Campania, con la patecipazione gioiosa di oltre 300 ragazzi di tutta la regione, uniti da un entusiasmante concerto collettivo al Teatro Mediterraneo di Napoli per il Forum universale delle Culture.



Domenica 21 giugno, sempre alle 10.30, le «padrone di casa» Mariella Utili, direttore del Polo museale della Campania, e Rita Pastorelli, direttore della Certosa e Museo di San Martino, accoglieranno i giovani artisti del secondo gruppo in programma, Sanitansamble, nato da un percorso laboratoriale gratuito offerto dal 2008, a cura dell’Associazione L’Altra Napoli Onlus, a bambini e adolescenti del Rione Sanità tra i sei e i 16 anni. I quali, nella scia di «El Sistema» - innovativo progetto di promozione sociale e intellettuale dell’infanzia e della gioventù attraverso un percorso di didattica musicale ideato nel 1975 in Venezuela dal musicista, attivista, politico ed educatore José Antonio Abreu, che ha dato vita alla nota orchestra giovanile «Simon Bolivar» - hanno avviato una formazione personale e collettiva ”alternativa“ alla strada. Sperimentando nel tempo, con docenti qualificati, opportunità di crescita e modelli educativi con una partecipazione crescente. E inimmaginabile, in un quartiere ad alto tasso di abbandono scolastico che per le lezioni di musica, invece, registra percentuali di assenteismo inferiori a un risicato 5%. E più della metà dei ragazzi coinvolti nel progetto, inoltre, manifesta il desiderio di proseguire gli studi musicali al termine del progetto. Intanto, l’associazione Sanitansamble, costituitasi nel marzo 2014, conta e segue al momento due formazioni orchestrali: la Senior, con 32 giovani musicistai dai 13 ai 22 anni seguiti da 14 maestri; e la Junior, nata a fine anno scorso proprio grazie al successo della senior e composta di 49 bambini selezionati nel dicembre del 2014.



Last but not least, il gruppo Musica libera tutti, in scena domenica 28 giugno alle 10.30: composto attualmente da 26 elementi bambini, nasce a Scampia da un progetto inclusivo di pratiche quotidiane di crescita comunitaria «a suon di musica», portato avanti dal 2011 presso il Centro di formazione al lavoro e alla cultura «Alberto Hurtado». Una buona pratica pedagogica, gratuita e accessibile a tutti i più piccoli del quartiere, articolata in due laboratori di propedeutica musicale (musica in gioco, per bimbi dai 5 ai 7 anni) e formazione musicale (otto-dieci anni), in otto workshop di strumenti musicali (archi, fiati, percussioni, piano e chitarra) e in un laboratorio orchestrale di bambini, ragazzi e adolescenti «formati alla creazione condivisa di bellezza, ordine, armonia e ritmo tramite il linguaggio della musica», spiegano.



Un linguaggio universale. Capace di parlare al cuore di tutti. E, qualche volta, di salvare vite a rischio.
Sabato 13 Giugno 2015, 22:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP