Pianura, festa per don Giustino beato
40mila fedeli, 400 sacerdoti e 40 vescovi

A+ A- Stampa
NAPOLI - «Sarò prete e soltanto prete». Aveva 17 anni don Giustino Russolillo quando pronunciò questa frase, in risposta a una nota società belga che, al termine della licenza liceale, voleva assumerlo. La ricorda, don Giacomo Caprara, postulatore della Beatificazione, alla vigilia del grande giorno.

E oggi, alle 15, in via Comunale Pallucci, don Giustino sarà proclamato beato, durante la concelebrazione presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione della Causa dei Santi. Secondo le recenti norme dettate da papa Benedetto XVI, infatti, la beatificazione avviene nel luogo dove il beato è nato e ha operato: perciò, Pianura può ospitare l’evento, così come è accaduto per le recenti beatificazioni di Maria della Passione (14 maggio 2006) e per Giuseppina di Gesù Crocifisso (1 giugno 2008).

Arrivano in 40mila per rendergli omaggio, oltre 30 vescovi, 4 cardinali, 400 sacerdoti dalle case sparse in 15 nazioni (dal Brasile agli Stati Uniti d’America, dall’Argentina alla Nigeria, dalle Filippine all’India al Madagascar, dalla Colombia all’Ecuador, dall’Indonesia al Galles). Nell’area, appositamente attrezzata e transennata, circa 13.000 posti a sedere e 2.000 posti in piedi. Maxischermi allestiti al tempio del Vocazionario (2.000 posti), al piazzale del Vocazionario (2.000), nel cortile delle suore Vocazioniste (850), nell’area della chiesa di San Giuseppe operaio (2.500 posti), nell’area angolo via San Donato e via Campanile (5.500).

Prevista anche una diretta televisiva su Canale 21 (per la Campania) e su Sky 886 e la diretta mondiale web attraverso il sito www.trsp.it (digitare su diretta Tv). Domani mattina, alle 10.30, presso la parrocchia della Santa Famiglia, messa di ringraziamento, presieduta dal vescovo Gennaro Pascarella. L’11 maggio i vocazionisti saranno, poi, in udienza dal Santo Padre per ringraziare del dono della beatificazione. Intanto, oggi, c’è grande mobilitazione per il sacerdote, nato il 18 gennaio 1891 in una Pianura, sommersa insolitamente dalla neve per tredici giorni.

La guarigione miracolosa di Gaetanina Meloro affetta da carcinoma papillare squamoso è l’evento che apre la strada per la beatificazione di Giustino Maria Russolillo. La donna, conosciuta la terribile diagnosi il 23 gennaio del 1998, si affida con l’aiuto dei padri Vocazionisti, delle Suore vocazioniste, della mamma e degli amici, con preghiere e suppliche, all’intercessione di don Giustino. Il 20 maggio del 1998 l’oncologo Denehy le comunica: «Ho buone notizie per te, non vedo più nessun segno di cancro nel tuo corpo. Qualcuno dall’alto ha preso un grande interesse al tuo tumore».

Il 12 giugno 1998 lo stesso Denehy dichiara di essere «sorpreso» per la scomparsa del carcinoma in modo così rapido, sebbene la massa tumorale fosse della grandezza di 4x6 centimetri. Inizia la lunga causa che porterà l’assemblea Generale della Congregazione per le cause dei santi ad approvare ufficialmente e all’unanimità il miracolo. Pianura esulta. Ma non è sorpresa. Dovunque andrà, con chiunque tratterà, Giustino comparirà sempre come l’uomo di Dio. Basterebbero due aggettivi: instancabile e inesauribile. Per decine di anni Pianura ha sentito don Giustino predicare mattina e sera. Dopo la Messa del mattino - che celebrava alle 4 e mezzo d’estate e d’inverno, ricorda don Giacomo - e dopo le funzioni della sera, sedeva su una sedia al lato del Vangelo che commentava dall’altare, con una candela accesa per simboleggiare la presenza dello Spirito Santo.

Leggeva e assimilava testi e riviste italiane e francesi. Ma era essenzialmente un parroco, per 35 anni a servizio delle vocazioni e della vita consacrata. Da don Giustino, Pianura aspetta un riscatto: «Un segno di speranza - dice don Giacomo - perché accanto al santuario, con la beatificazione, possano nascere opere sociali e quindi lavoro per i nostri giovani». Potrebbe significare la rinascita di Pianura, nel segno del beato Giustino.

Rosanna Borzillo





sabato 7 maggio 2011 - 10:15
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

CONDIVIDI L'ARTICOLO

DIVENTA FAN DEL MATTINO