I Lupi a piedi a Montevergine
per ringraziare della salvezza

I Lupi a Montevergine.  Per ringraziare Mamma Schiavona della salvezza conquistata. Nella foto con Tonino Iannaccone, il ristoratore-esploratore del Partenio.  Con Novellino Enzo De Vito e tutti gli altri.  Anche D'Angelo alla fine la montagna l’ha voluta davvero scalare: a piedi, lungo quei tornanti che in alcuni tratti tolgono il fiato. Era una promessa che aveva fatto a se stesso e prima di tutto a lei, che è stata una delle prime a conoscere, in quell’inverno di otto anni fa. Perché con Mamma Schiavona il legame è inevitabile: per chi è irpino e per chi di questa terra diventa figlio adottivo. Come Angelo d’Angelo. La sua storia di uomo e di calciatore si è unita a quella di una città che manco conosceva e che ora è diventata la sua tana, il suo mondo. “Ci sono pochi che amano l’Avellino come la amo io”: ha ripetuto a voce alta, chiara, in una notte di inferno e paradiso ritrovato, una di quelle notti che si vorrebbe rivivere all’infinito, ma solo nel finale.
Il video


Sabato 20 Maggio 2017, 11:20 - Ultimo aggiornamento: 22-05-2017 09:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP