Vigneti coltivati sui rifiuti tossici usati come concime. Due le inchieste

A+ A- Stampa
Inquinamento da liquami tossici nei terreni della valle del Sabato: scatta l’inchiesta della magistratura.
C’è un filone giudiziario di due corpose e note inchieste della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere - Chernobyl e Terra madre - che porta dritto dritto tra alcuni filari di vigneti privati della Valle del Sabato.

Una lingua di terra, al confine tra Sannio e Irpinia, dove nel recente passato sarebbero stati sversati liquami tossici prima di impiantare vitigni autoctoni dietro lauti finanziamenti della comunità europea elargiti a giovani personaggi che avevano deciso di riciclarsi nell'imprenditoria vitivinicola dopo aver riciclato illecitamente rifiuti di dubbia provenienza come fossero fertilizzanti.

Un quadro inquietante animato da figure legate a un clan caudino che avrebbe spostato i suoi interessi nella fascia dei borghi pedemontani, e a spiccata vocazione enologica, che va da Torrioni, a Chianche fino a Petruro e Ceppaloni.
lunedì 4 novembre 2013 - 22:03
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

CONDIVIDI L'ARTICOLO

DIVENTA FAN DEL MATTINO
 
Indietro
Avanti