seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Martedì 23 Dicembre - agg.2:05
Mattino logo
di Francesco De Luca

Prima di costruire il nuovo stadio «ricostruire» il caro vecchio San Paolo

De Magistris ha lanciato parole forti sullo stadio: «Bisogna passare alle parole ai fatti e il Napoli non andrà mai a giocare a Caserta». Cosa vuol dire il sindaco di Napoli? Da tempo ci sono imprenditori che progettano uno stadio a Grazzanise, in provincia di Caserta, là dove c'è la base militare americana e dove, ai tempi della C1, gli azzurri di Reja si allenavano. E' un'idea sottoposta a De Laurentiis, che potrebbe averla rilanciata quando si è confrontato con De Magistris.
 
Considerando costi e tempi, la priorità è la ristrutturazione del San Paolo; poi ci si potrà/dovrà confrontare su un nuovo stadio. A proposito. Sono rimasto colpito dalle parole dell'assessore comunale allo Sport, Tommasielli, ascoltate una settimana fa ai microfoni di Radio Club 91. Quando le è stato chiesto che fine avesse fatto il progetto per il nuovo impianto a Ponticelli, ha risposto seccamente che era stato bocciato dalla commissione preposta. La ragione? «Non aveva i requisiti».

Capite? Per un anno e mezzo sulla questione-stadio ci sono stati nervi tesi tra De Magistris e De Laurentiis per un progetto che «non aveva i requisiti».

Pubblicato il 25 Aprile 2013 alle 09:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MATTINO
 GLI ULTIMI POST
pubblicato il 22/12/2014 alle 10:54
pubblicato il 17/12/2014 alle 19:14
pubblicato il 12/12/2014 alle 21:50
pubblicato il 01/12/2014 alle 10:52
pubblicato il 22/11/2014 alle 13:25
pubblicato il 11/11/2014 alle 10:35
pubblicato il 03/11/2014 alle 18:43
pubblicato il 26/10/2014 alle 07:09
DAI LA TUA OPINIONE  
COMMENTI PRESENTI (3) Scrivi un commento
@timeless
Hai pienamente ragione (ed io sono tifoso sfegatato) infatti un eventuale stadio non dovrebbe avere contributi pubblici.
Per quanto riguarda l'esempio della Juve non molto calzante dato che per la sua costruzione stato rilevante il contributo (diretto e di agevolazioni) da parte di comune di Torino e regione Piemonte.

Commento inviato il 29-04-2013 alle 12:37 da giannitr82

Ma mai possibile che il Sig. De Magistris ancora uno dei pochi a non rendersi conto che il San Paolo come stadio del calcio non pi attuale. Oggi bisogna costruire uno stadio che possa ospitare al massimo 40-50 mila spettatori con ogni ordine di posti a ridosso del campo. In pi, oggi non logicamente e urbanisticamente possibile tenere uno stadio al centro di un quartiere con 100 mila abitanti. Ma lo capisce questo il De Magistris?????

Commento inviato il 25-04-2013 alle 17:44 da GEPANT

Scusate, ma chi paga?
A me del Napoli interessa poco e non ne ricavo alcun beneficio, per cui non giusto impegnare soldi di tutti per scopi ristretti alla sola cerchia dei tifosi. Loro che sono disposti a mangiare pane e pomodoro pur di andare allo stadio, possono anche contribuire in maniera diretta a qualsivoglia spesa per lo stadio destinato alla squadra. La juventus, rappresenta l'esempio da seguire, per un presidente illuminato. Tengo a precisare che non tifo juventus, ma tiepidamente per il napoli, per quello che il calcio minimamente rappresenta nelle mie preferenze sportive.

Commento inviato il 25-04-2013 alle 16:42 da timeless

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Se sei gi registrato inserisci username e password oppure
registrati ora

Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

Edizioni Locali
  SEGUI
IL MATTINO
       
Casa
Imu e Tasi, doppio saldo il 16 dicembre
Ecco chi deve pagare e quanto. A Roma rata media di 196 €
Imu e Tasi, doppio saldo entro il 16 dicembre
Guida ai calcoli, la base imponibile e le aliquote. Così a Roma
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
Tuttomercato
Tuttomercato Lavoro Tuttomercato Motori Tuttomercato Casa Tuttomercato di Tutto
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
2014 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003