Harry Potter, è subito boom di vendite
Rowling: «Stavolta abbiamo davvero finito»

Harry Potter, proprio nel giorno del suo compleanno (1980), è tornato e fa già magie a teatro e in libreria, dove si registra il sold out e dove la prima copia è stata venduta a un'Italiana. Dopo il successo di Harry Potter and The Cursed Child nella prima al Palace Theatre nel West End di Londra, con la famiglia del maghetto al gran completo a partire dalla sua creatrice JK Rowling, i biglietti per vedere lo spettacolo dell'anno sono andati esauriti e le prenotazioni arrivano fino al maggio 2017.

Ma i fan italiani si potranno rifare molto prima con il volume, tratto dalla piece sul pupillo di Hogwarts e pubblicato in queste ore in lingua inglese, quando uscirà nelle librerie italiane (il 24 settembre) col titolo Harry Potter e la maledizione dell'erede scelto dall'editore Adriano Salani, già sommerso dalle richieste di prevendita. Questa volta però sembra proprio che la saga del maghetto durata 19 anni fra libri, cinema e ora anche il palcoscenico sia giunta al termine. «Abbiamo finito», ha detto la Rowling alla prima nel West End. Il copione si ispira in parte al materiale a cui aveva lavorato la scrittrice e si tratta, come lei stessa ha sottolineato, «di qualcosa di speciale per i fan».

Nella storia la generazione della scuola di Hogwarts è diventata adulta, e quindi via il mantello e la bacchetta per far spazio ad una vita molto più normale. Harry lavora nel Ministero della Magia e vive con la moglie Ginny, da cui ha avuto tre figli, mentre Ron si è sposato con Hermione. Nello spettacolo diviso in due parti un ruolo centrale è quello occupato dal secondogenito del mago, di nome Albus, che avrà non pochi problemi a convivere con l'eredità paterna.

Nelle ultime ore è partito l'assalto a comprare il libro online, in versione elettronica e cartacea. E c'è chi è riuscito a leggerlo in soli 59 minuti: si tratta del bimbo prodigio inglese Toby L'Estrange, che a soli 10 anni 'divorà i volumi con un ritmo da 200 pagine all'ora grazie a una speciale tecnica. È stato lui a scrivere la prima recensione sul sito di Amazon: «Bella storia ma complicata», è il suo parere, e il voto di 6 su 10. Anche se sarà difficile vedere nuove storie su Harry la produzione dello spettacolo si prepara a portarlo in tutto in mondo, a partire da Broadway.

«Oltre all'America speriamo di andare in molti altri Paesi», ha detto la produttrice Sonia Friedman. E intanto si continua a chiedere ai fan che hanno la fortuna di mettere le mani su un biglietto di non rivelare agli altri le tante sorprese e i colpi di scena che sono contenuti nella piece. È stato creato anche un apposito hashtag, #KeepTheSecrets (mantieni i segreti). Ma non sarà facile tenere a freno l'entusiasmo e la curiosità dei tanti amanti del maghetto.
Domenica 31 Luglio 2016, 18:26 - Ultimo aggiornamento: 04-08-2016 16:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP