La sconfitta delle maestranze:
il capitalismo visto da Noviello

di Ciro Manzolillo

Un libro scritto con il desiderio di raccontare il percorso vissuto in prima persona in una di quelle imprese del Meridione che negli ultimi anni sono state dismesse. A narrare la storia della Multinazionale di Battipaglia nelle pagine «Rami secchi», edizioni Stasoft, è Antonio Noviello, informatico di Cava de’ Tirreni con una specializzazione in programma e sistemi di rete.

Dopo aver lavorato per altre aziende, Noviello firma un contratto a tempo indeterminato alla Multinazionale nel reparto di ricerca e sviluppo. Ma per lui e i suoi colleghi tecnici il destino è segnato. Le pagine di Noviello sono dure, la sconfitta che subiscono le maestranze va ben oltre i capannoni e gli uffici della Multinazionale. Quei licenziamenti sono la conseguenza di un capitalismo contemporaneo. Il racconto in forma di croni-storia fa altresì da specchio tanto all'assenza di un blocco sociale di classe quanto alla debolezza delle istituzioni, della politica, dei sindacati di fronte al mondo economico-finanziario.

 
Lunedì 27 Febbraio 2017, 19:59 - Ultimo aggiornamento: 27-02-2017 19:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP