«Il Sud deve morire». Mcl presenta
il libro su un delitto (quasi) perfetto

Occorre «superare il divario tra Nord e Sud». Per Maria Rosaria Pilla, presidente regionale del Movimento Cristiano Lavoratori, decisiva è la formazione. Il dibattito sulla questione meridionale si riaccende in occasione della manifestazione che si svolgerà mercoledì 11 gennaio alle 18 a Salerno, a palazzo di Città, nella sala del Gonfalone. In questa circostanza sarà presentato il libro “Il Sud deve morire. Esecutori, mandanti, e complici di un delitto (quasi perfetto)”, dello scrittore e giornalista napoletano Carlo Puca: un lavoro attento, meticoloso e realista, dove ogni pagina descrive il vissuto di gente comune, da Lampedusa all’Aquila, passando per Papasidero, Viggiano, Barletta, Castel Volturno. «Il problema della disoccupazione giovanile meridionale si configura ormai sia per ragioni economiche, che sociali e morali, come la più grande questione nazionale, che l’esasperato individualismo odierno induce a occultare» aggiunge Pilla.

All'iniziativa interverranno il presidente nazionale di Mcl Carlo Costalli, il sindaco di Salerno Enzo Napoli e ci sarà v un confronto tra l'autore del libro Puca e il suo collega del Mattino, Antonio Manzo.
Lunedì 9 Gennaio 2017, 15:11 - Ultimo aggiornamento: 09-01-2017 15:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP