Napoli, sesso in strada a San Domenico Maggiore: «Vivere qui è diventato un inferno»

ARTICOLI CORRELATI
di Mariagiovanna Capone

6
  • 719
Il bus turistico vomita un centinaio di persone in piazza del Gesù. Tornerà a prenderli dopo un paio d'ore, giusto in tempo per riportarli all'ora di cena nell'hotel di Sorrento. Hanno tutti gli occhi a mandorla imboccano via Benedetto Croce per poi raggiungere piazza san Domenico Maggiore. La guida gli spiega che questa bella piazza con al centro un obelisco marmoreo e palazzi gentilizi è il cuore della movida di Napoli. Non sapranno mai però che è anche la piazza degli eccessi, delle follie, dell'esagerazione. Chi vive qui ha imparato a farci i conti, e non è entusiasta di tanto clamore.

«Vivo in questo palazzo da 50 anni» confessa una donna indicando uno degli edifici più belli. «In tutti questi anni ho visto mutare questa piazza e riesco a convivere con la massa di giovani che si radunano. Forse perché la mia casa non affaccia direttamente sulla piazza perché so di inquilini scappati dopo un anno di nottate con il frastuono costante».
 

La movida però sta cambiando, come ricorda l'ultimo episodio di esibizionismo sessuale: «Fatti come questo vanno fermati subito. Solo non vedo come, visto che qui di forze dell'ordine ne passano raramente. Ci vorrebbe un presidio fisso per evitare che possa ripetersi». Più esasperati altri abitanti di un edificio limitrofo che affacciano in piazza. «Non dormiamo più nonostante i doppi vetri, e d'estate dobbiamo sudare in casa perché di aprire le finestre prima delle 4 del mattino, non se ne parla proprio. Chiamiamo vigili e polizia dal venerdì alla domenica: non ci ascoltano, non gli interessa se suonano i bonghi fino all'alba e noi non possiamo riposare». 

Continua a leggere sul Mattino Digital
Martedì 20 Giugno 2017, 09:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-06-20 13:34:44
E tra le centinaia di persone presenti, anche decine di bambini ed anziani, davvero uno scandalo. Di forze dell'ordine neanche l'ombra, ed in merito a ciò proporrei di portare gli stipendi di questi ultimi a 4.000€ al mese, però al primo mancato intervento o ritardo scatta il carcere per loro, che ne pensate? Visto che spesso si giustifica la loro assenza con la mancanza di fondi, risolviamo il "problema" in questo modo!
2017-06-20 12:28:04
VI RICORDO CHE l'amministrazione di questa città non è di sinistra, ma è palesemente di colore anarchico. Alle prossime elezioni comunali pensateci bene prima di affermare che astenersi dal voto è una buona soluzione.
2017-06-20 11:19:06
Non cercate qui le cause di queste trasgressioni...un tempo si diceva "Qui non si muove foglia che il Popolo non voglia" oggi è la politica che detta le regole e se cade una foglia in modo fragoroso sappiate che è la politica che lo ha permesso. Un saluto dalla terra di Nessuno.ove tutto è proibito sulla carta e tutto è permesso nel reale...
2017-06-20 10:39:50
Dunque ricapitoliamo. - Via marina ferma al palo e lavori ancora molto lontani dalla conclusione - Anm che in data odierna cancella di colpo 40 corse aumentando nel contempo il prezzo del titolo di viaggio. - Città in mano completamente ai parcheggiatori abusivi - centro storico diventato invivibile per i poveri residenti. A questo punto mi chiedo. E' possibile affermare che questa amministrazione comunale ha fallito???
2017-06-20 09:49:22
Come giustamente rimarca l'articolo,è questo il tanto decantato fenomeno turistico napoletano.Persone che sostano qualche ora o un paio di giorni e se hanno la fortuna di non essere vittime di scippi,rapine o altro,potranno parlare delle innegabili bellezze della città,del buon cibo e via dicendo. I guai,molto seri,sono per chi in questo inferno quotidiano di violenza,degrado, sopraffazione,criminalità micro e macro,babygang è costretto a vivere e/o lavorare. Il cosiddetto Stato ha da tempo tirato i remi in barca,si va avanti a forza di blitz tanto spettacolari quanto inutili,mentre il sindaco strizza l'occhio alla peggior plebaglia,suo naturale serbatoio di voti.

QUICKMAP