Brusciano, minacce al parroco: «Tutti ti schifano. Vattene o ti appendiamo la testa»

PER APPROFONDIRE: brusciano, sindaco
di Anita Capasso
A+ A- Stampa
"A Brusciano tutti ti schifano. Vattene o ti appendiamo la testa". Biglietto intimidatorio contro il 33enne parroco don Salvatore Purcaro. Era stato posizionato nella cappelletta della chiesa Santa Maria delle Grazie.

A ritrovarlo è stato lo stesso sacerdote, che da diversi mesi è oggetto di vili attacchi tramite bigliettini anonimi. Questa volta però l'autore del messaggio è andato ben oltre le solite calunnie: addirittura è passato alle minacce di morte. Un contenuto chiaro con cui si vuole la testa del parroco. Don Salvatore è rimasto profondamente scosso dal suo contenuto tanto da rompere il silenzio e da rendere pubblica la vicenda tramite facebook. "A chi posso aver dato fastidio? A chi usava la chiesa per scaramanzia e guadagno?".

Ci va giù duro il sacerdote: "Molte persone quando mi conoscono mi dicono, ma lei è una bravo parroco perchè allora la descrivono così male? La verità è che le chiacchiere costruite ad arte uccidono la buona fama e condizionano". Don Purcaro è convinto che i messaggi minatori siano opera di fedeli che gravitano intorno alla parrocchia."Siccome non tutti frequentano la chiesa, questo clima di dissenso credo che sia dovuto alle chiacchiere di quelli che frequentano la chiesa stessa. Un prete come me sta stretto perchè rompe gli equilibri consolidati".

Don Salvatore, infatti, che da circa un anno è alla guida della parrocchia, nel tentativo di ripristinare l'ordine e la sacralità in chiesa ha imposto regole ben precise nella gestione degli spazi e delle risorse sovrintendendo direttamente i vari provvedimeti intrapresi. Questo potrebbe aver dato fastidio..


domenica 16 febbraio 2014 - 19:06
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

CONDIVIDI L'ARTICOLO

DIVENTA FAN DEL MATTINO
 
Indietro
Avanti