Idee «anticrisi» per il centro storico di Napoli: torna il bando della Fondazione di Comunità e del Mattino | Leggi e invia il tuo progetto

Domande entro il 15 settembre, poi la scelta di un'equipe di esperti. Fino a 100mila euro per rilanciare il lavoro
di Marco Perillo
A+ A- Stampa
Tutti uniti per aiutare il centro storico di Napoli, da sempre croce e delizia della città.

Un immenso patrimonio culturale da potenziare, una risorsa sociale troppo spesso non valorizzata a dovere. Anche per questo, per il secondo anno, torna il «Bando aperto alla Comunità», un’iniziativa per il rilancio del cuore antico partenopeo nata dalla collaborazione tra la Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli, Il Mattino, la Fondazione Con il Sud e il Banco di Napoli.

>>> LEGGI IL BANDO COMPLETO

La Fondazione è nata nel 2010 con il sostegno della «Fondazione con il Sud» e ancora una volta ha deciso di cooperare col nostro quotidiano per favorire alcuni processi di sviluppo e di costruzione di «rete» nella parte antica della città. L’obiettivo è infatti promuovere attività di finanziamento e fundraising rivolte a interventi specifici che nascono dalla comunità viva che abita l’area antica e che possono offrire piccole soluzioni ai problemi sociali quotidiani. Così come è accaduto lo scorso anno, quando al termine del primo bando furono presentate 82 domande di finanziamento.

Ne furono selezionate cinque, sottoposte a bando. Le Suore di San Camillo proposero un progetto di sostegno per 80 minori del territorio; la Fondazione Massimo Leone offrì il reinserimento di 6 persone senza fissa dimora. Per l’area «benessere della città», un comitato di cittadini con rappresentante Patricia Pulles aveva come obiettivo la tinteggiatura di un edificio scolastico. Per i disabili, fu richiesto l’acquisto di un piano cottura per un locale gestito da persone con disabilità psichica.

Infine, per l’innovazione, «Un uovo mondo» propose la promozione di un doposcuola. La seconda fase ha previsto la raccolta di coupon pubblicati sul Mattino, grazie ai quali si poteva indicare il proprio progetto preferito. In Fondazione ne arrivarono circa 50mila: il più votato fu il progetto delle Suore di San Camillo, con circa 30.000 coupon. A questo punto i diretti interessati si attivarono per la raccolta fondi. Le cifre reperite, sono state poi raddoppiate dalla Fondazione e così ripartite: 40.300 euro alle Suore di San Camillo, 1.300 euro a "Un uovo mondo" e 2.800 euro alla Fondazione Massimo Leone.

Oggi, per il 2013, la priorità è creare un’attività imprenditoriale che preveda l’inserimento lavorativo di giovani fino a 26 anni, nonché donne e persone over 50 escluse dal mondo del lavoro. I progetti devono essere relativi esclusivamente ad attività sviluppate nelle aree comprese nella II e IV Municipalità del Comune di Napoli (Avvocata-Montecalvario e San Lorenzo-Vicaria-Poggioreale).

La richiesta può essere presentata da associazioni iscritte al registro regionale del volontariato, associazioni formalmente costituite, associazioni di promozione sociale, cooperative sociali, parrocchie, organismi che possiedono il requisito di Onlus ma anche da comitati di cittadini che si riuniscono spontaneamente. Per partecipare occorre inviare un progetto all’indirizzo mail: info@fondcomnapoli.it. Il progetto deve essere strutturato nelle forme di un business plan e non superare le 20 pagine in formato A4 con testo in corpo 12 e deve contenere informazioni sul soggetto proponente, abstract di massimo 20 righe, indicazione degli obiettivi, modalità di monitoraggio, verifica della proposta e piano economico dettagliato. Tutti i progetti che perverranno alla Fondazione saranno esaminati da una commissione formata da tecnici ed esperti. L’abstract dei progetti selezionati sarà pubblicato sul Mattino e sulle pagine del nostro sito web e della «Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli».

I lettori, tramite coupon pubblicato su questo giornale, potranno esprimere la preferenza per uno dei progetti e potranno effettuare una donazione destinata a sviluppare il progetto che riterranno più interessante. Il vincitore potrà ricevere un importo massimo di 100.000 euro così composti: un massimo di 35.000 euro derivanti da una raccolta diretta sul territorio; il raddoppio della cifra raccolta sul territorio quale contributo a fondo perduto erogato fino ad un massimo di 35.000 euro e infine 30.000 euro in consulenze da parte di organismi primari di consulenza aziendale.

I termini per la presentazione dei progetti scadono il 15 settembre alle 12. La selezione da parte della commissione avverrà il 15 ottobre, mentre l’apertura della votazione tramite coupon ci sarà il 20 ottobre. La chiusura della votazione tramite coupon, invece, il 20 gennaio. E la selezione del vincitore, il 15 febbraio 2014. Per ulteriori informazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo info@fondcomnapoli.it o chiedere un appuntamento al numero 0814201125.
venerdì 2 agosto 2013 - 12:32
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

CONDIVIDI L'ARTICOLO

DIVENTA FAN DEL MATTINO
 
Indietro
Avanti