Le fiamme raggiungono le case,
paura a Vico Equense | Video

Faito, incendio
di Ilenia De Rosa

  • 1170
Notte di paura sul monte Faito e a Santa Maria del Castello. L'incendio che da ieri minaccia il territorio sta avanzando senza freni, raggiungendo il centro abitato della frazione di Vico Equense. A poco, infatti, sono serviti gli interventi dell'associazione volontari del Faito e dei vigili urbani. «Abbiamo chiesto soccorsi, ma ieri non è arrivato nulla. La situazione è preoccupante. I nostri uomini stanno presidiando due zone: santa Maria del Castello e Faito centro. Le fiamme eccessivamente vicine hanno spaventato i residenti, che sono scesi in strada, a dovuta distanza dall'incendio. «È da ieri che stiamo chiedendo rinforzi. Un elicottero ha operato nella zona di Montepertuso, a Positano. Abbiamo chiesto che intervenisse anche qui ma nessuno ci ha ascoltato. È necessario che arrivi acqua dall'alto. Capisco che molte zone della Campania sono in uno stato di emergenza, ma a Vico Equense la situazione sta diventando preoccupante», aggiunge.

L'elicottero è arrivato nella tarda mattinata. Presenti sul posto vigili urbani, carabinieri, associazione volontari del Faito, protezione civile, residenti e il sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore. «Oltre sessanta uomini stanno dando una mano a domare un incendio che sta devastando un territorio meraviglioso - afferma il primo cittadino - che non ci potrà restituire più nessuno. Questi luoghi sono mete particolarmente amate dagli appassionati di trekking; purtroppo dei sentieri nel verde ne resterà ben poco. Voglio che escano fuori le responsabilità. Perché hanno lasciato che le fiamme arrivassero con tanta facilità fino a qui? Come si sono sviluppati i soccorsi ieri sul versante di Positano, dove è partito l'incendio? Da cosa è stato causato?». Intanto a domare le fiamme anche le persone della zona. «Anche io cerco di dare il mio contributo per evitare che l'incendio aumenti - racconta Andrea Celentano, titolare dell'agriturismo "La Ginestra", sito nelle vicinanze - come tanti altri residenti. La mia struttura è la più vicina alle fiamme. I miei ospiti sono dovuti andare via».
 

L'incendio che si è sviluppato due giorni fa nella zona di Montepertuso, in costiera amalfitana, si è poi esteso all'altro versante, invadendo i territori di Vico Equense e Agerola già da ieri sera. Nel complesso fino ad ora circa 80 ettari di territorio bruciati. A Positano hanno lavorato vigili del fuoco e elicotteri della regione Campania, con il presidio della polizia municipale. «Le fiamme hanno interessato la zona alta e, grazie ai tanti uomini a lavoro, non sono arrivate fino ai centri abitati di Nocelle e Montepertuso», spiega Lucio Maresca, maresciallo dei vigili urbani di Positano.
 
Giovedì 13 Luglio 2017, 09:25 - Ultimo aggiornamento: 13-07-2017 15:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP