Napoli. Kostantin, aggredito al bar
​perché gay: scatta la solidarietà

  • 60
«Ancora un'aggressione omofoba e questa volta proprio nella piazza dove è partito l'ultimo pride napoletano. Konstantin, il ragazzo vittima di discriminazione, prima verbale e poi fisica, è purtroppo l'ennesimo protagonista di una storia, o meglio di un cliché della vergogna, che sembra ripetersi nonostante gli accorati appelli al rispetto delle persone e delle diversità». Così, in una nota, l'assessore comunale di Napoli Daniela Villani. «Konstantin - continua l'assessore - stava facendo colazione in un bar di Fuorigrotta, era di ritorno da una serata in discoteca con un gruppo di amici. Durante una accesa discussione con la barista, il ragazzo è stato apostrofato in termini offensivi ed omofobi». «Come Assessorato alle Pari Opportunità - sottolinea - non siamo più disposti ad accettare simili atteggiamenti, condanniamo la persistente e inopportuna pratica di limitare la dignità umana e la persona ad un aspetto della propria vita che non è qualificante ma che resta una faccenda privata e soprattutto espressione della libertà inviolabile dei singoli». Alle 16,30 di sabato prossimo, a piazzale Tecchio, annuncia il comunicato dell'Assessorato, si terrà un'iniziativa di solidarietà lanciata dall'Arcigay di Napoli. «Mi auguro che questo appello possa riunire tutto il mondo LGBTQI e l'intera cittadinanza, in un'unica e ferma mobilitazione per la tutela delle vittime dell'omo-transfobia e per condannare chi ne fa strumento di potere e paura», conclude l'assessore comunale.
 
 
Mercoledì 30 Novembre 2016, 16:26 - Ultimo aggiornamento: 30-11-2016 17:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP