Napoli. Niente sale operatorie: donna muore a 42 anni

ARTICOLI CORRELATI
di Ettore Mautone

8
  • 13030
NAPOLI - Un'altra tragedia a Napoli frutto della disorganizzazione della sanità. Una donna di 42 anni, Francesca Napolitano di Bagnoli, è morta ieri mattina alle ore 8 nella sala di rianimazione dell'ospedale Monaldi dopo aver atteso tutta la notte un ricovero urgente per un intervento che non è mai arrivato e che sarebbe servito per decomprimere il suo cuore afflitto da una miocardite acuta. Le due sale operatorie del nosocomio napoletano erano entrambe impegnate per un intervento di espianto al cuore e un secondo intervento per un aneurisma dissecante dell'aorta.

E altre nove sale operatorie delle strutture pubbliche e private della Campania avevano opposto al 118 i rifiuti al ricovero e al trattamento della paziente, nonostante l'ospedale San Paolo, presso il quale era ricoverata, ne avesse segnalato la gravità ed urgenza fin dalle 3 del mattino. Dopo la morte sono scattate subito le denunce dei familiari e ieri i carabinieri del Nas hanno acquisito le cartelle cliniche relative alla vicenda. 

Gianantonio Nappi, primario del reparto di Cardiochirurgia Generale e dei Trapianti del Monaldi, al Mattino ha ammesso che non è stato possibile intervenire sulla donna in sala operatoria per la contemporanea indisponibilità dei due presidi chirurgici presenti nell'ospedale e impegnati in altri interventi, e ha denunciato la disorganizzazione della rete ospedaliera cardiochirurgica della regione: «È possibile che tutte le altre Cardiochirurgie erano indisponibili? Sono stati contattati gli altri centri?»

«Le condizioni della paziente - affetta da miocardite complicata da tamponamento cardiaco - erano gravissime, pressoché terminali. Nonostante avessimo le due sale operatorie occupate, è stata accolta e trattata al meglio. Nel frattempo venivano eseguiti due interventi di altissima difficoltà: un trapianto cardiaco e una dissezione aortica acuta. Il fronteggiare contemporaneamente queste tre emergenze chirurgiche ha creato grosse difficoltà, superate solo grazie alla dedizione e all'impegno di tutto il personale sanitario del reparto e della direzione dell'ospedale. Quanto accaduto dimostra ancora una volta l'impellente necessità di una riorganizzazione della rete dell'urgenza-emergenza cardiochirurgica nella nostra Regione» spiega il primario del Monaldi.
 
 

+++ Napoli. Niente sale operatorie: donna muore a 42 anni +++

Pubblicato da Il Mattino su Giovedì 10 marzo 2016
 
Venerdì 11 Marzo 2016, 08:20 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2016 08:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2016-03-11 12:43:18
Per la povera vittima, ahimè, non c'è più niente da fare, e per i politici vi sarà la solita passerella, condita di chiacchiere e promesse....Così va il mondo!
2016-03-11 11:55:20
è gia iniziato lo scaricabarile, il responsabile principale e Il presidente della Regione De Luca che prima delle elezioni aveva tutte le soluzioni in tasca, ora sewmbra che non ne ha nessuna, se non continuare a tagliare il poco che resta.
2016-03-11 11:50:03
Evacuare un tamponamento cardiaco massivo necessita di una pericardiocentesi che qualsiasi UTIC dovrebbe fare,resta comunque inverosimile che 9 cardiochirurgie abbiano tutte la sala operatoria impegnata,è scattato il "non c'è posto" istintivo ed automatico,lo stesso a cui sono abituato da anni di medico di PS e cardiologo
2016-03-11 11:26:02
A volte anche se drasticamente, bisognerebbe trovare il coraggio di ammettere che 'il momento' é arrivato... Le miocarditi molto raramente perdonano. Resta il fatto che la riorganizzazione delle strutture ospedaliere riveste carattere di estrema urgenza
2016-03-11 09:31:56
viva l'italia

QUICKMAP