Napoli. Imponeva le imprese degli «amici», indagato funzionario Asl

di Nico Falco

  • 106
Il suo ruolo era di controllare cantieri, attività ed esercizi commerciali, anche su delega dell’Autorità Giudiziaria. Quando i requisiti non erano soddisfatti, però, non si limitava a notificarlo o a fare scattare sanzioni: suggeriva lui stesso la società a cui rivolgersi per corsi formativi e adeguamenti vari. Anzi, secondo l’accusa, più che un suggerimento si trattava di una vera e propria imposizione. E’ il perno del procedimento che vede indagato un funzionario del distretto 53 dell’Asl Napoli 1 insieme al titolare di una ditta che si occupa di certificazioni, nell’ambito di indagini svolte dalla sezione Investigativa Centrale della Polizia Locale, diretta dal capitano Giuseppe de Martino, e coordinate dal pm Francesco Raffaele e dal procuratore aggiunto Alfonso d’Avino. Sono in corso questa mattina numerose perquisizioni sia negli uffici della Asl sia nelle ditte che, secondo le indagini, sarebbero state coinvolte. I reati contestati sono associazione e concussione.
 
Martedì 21 Marzo 2017, 11:34 - Ultimo aggiornamento: 21-03-2017 11:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP