Vanno via i Canadair, «eroi»
francesi sul Vesuvio: è polemica

ARTICOLI CORRELATI
  • 2757
«Questa notte sono stato a Torre del Greco, invitato ad effettuare un sopralluogo in qualità di presidente della Comunità del Parco Vesuvio. E da presidente della Comunità del Parco mi sento di dire, a nome di tutti i sindaci: non ce la facciamo più. Qui c'è una emergenza nazionale ma nessuno vuole riconoscerlo». A dirlo è Luca Capasso, sindaco di Ottaviano e presidente della Comunità del Parco nazionale del Vesuvio, l'organo che rappresenta i 13 Comuni dell'area protetta.

Secondo Capasso inoltre «sono stati commessi errori di valutazione anche in queste ore, come ad esempio aver mandato i canadair francesi indietro. Spiace fare la polemica, spiace arrivare sempre ad alzare la voce ma ogni volta si ha l'impressione che bisogna sempre ricorrere a questo per ottenere risultati. Devo ricordare che l'Esercito è arrivato solo dopo che i sindaci lo hanno chiesto a gran voce al ministro Galletti, guardandolo in faccia?».Tutto ciò, conclude Capasso, «è la conseguenza dell'assenza di un coordinamento: nessuno ci dice cosa fare, nessuno ascolta chi vive il territorio. La verità è che stiamo andando avanti da soli e, a questo punto, continueremo a farlo anche in futuro».


I Canadair della flotta francese non sono stati mandati via da nessuno: il loro rientro in Francia si è reso necessario a seguito dell'innalzamento del livello di rischio incendi nel territorio francese. È quanto precisa il Dipartimento della Protezione civile, in riferimento alle dichiarazioni del sindaco di Ottaviano, Luca Capasso. «Questo - si spiega in una nota - è il meccanismo di mutuo soccorso sul quale si basa l'attivazione del Meccanismo Europeo di Protezione civile: l'intervento di uomini e mezzi in un altro Paese tiene conto della primaria esigenza di coprire le necessità in patria». Capasso, che è anche presidente della Comunità del Parco del Vesuvio, parlando oggi degli incendi che stanno colpendo duramente la zona ha affermato che «sono stati compiuti errori di valutazione come ad esempio aver mandato i canadair francesi indietro». 

 
 
Lunedì 17 Luglio 2017, 11:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP