Napoli, ​sarà sospeso dal Comune
il vigile-schiaffeggiatore

ARTICOLI CORRELATI
di Valerio Esca

  • 2453
In arrivo la stangata per il vigile-schiaffeggiatore. L'agente di polizia Municipale che nove giorni fa, dopo aver parcheggiato la propria auto su un posto disabili all'esterno dello Stadio San Paolo (mentre era di servizio), aggredì un cittadino intento a riprenderlo con il telefonino dopo avergli fatto notare l'abuso, rischia una punizione esemplare. Il comandante della polizia Municipale, Ciro Esposito, dopo l'istruttoria del caso, aver letto le relazioni del capitano dell'Unità operativa di Fuorigrotta e dello stesso agente, ha deciso di procedere con l'invio degli atti all'ufficio disciplina del Comune di Napoli. Cosa vuol dire? Che la punizione da infliggere al vigile sarà sicuramente maggiore a 10 giorni di sospensione (tetto massimo entro il quale è lo stesso comando ad emetterla).
 

«Dopo aver accertato la gravità del fatto, aver visionato il filmato, dato anche il clamore mediatico che ha avuto la notizia, ho deciso di procedere in tal senso - spiega il colonnello Esposito - Giusto punire l'agente per il gesto che ha commesso, seppur si sia subito reso conto e scusato del suo atteggiamento». Adesso la disciplinare di Palazzo San Giacomo avrà 120 giorni di tempo entro i quali procedere nei confronti del vigile urbano. Ma come si svolsero i fatti? Un cittadino, Nicola Pasquino, docente della Federico II, mentre rientrava a casa dall'Università fece notare ad un vigile nei pressi del San Paolo, lì di pattuglia per l'ordine pubblico della partita Napoli-Dinamo Kiev, che la sua auto si trovava su posteggio per i disabili, senza autorizzazione.

«Quell'auto è mia, io lo posso fare» fu la risposta dell'agente, che non contento si avvicinò all'uomo e lo colpì con il blocchetto delle multe facendogli volare via il cellulare. Il tutto fu ripreso da Pasquino, che diffuse poco dopo il video su Facebook. Centinaia i commenti e le reazioni, tanto da far diventare «virale» la clip. Sulla vicenda, che ha avuto un eco mediatico nazionale, è intervenuto nei giorni scorsi anche il sindaco de Magistris, che non ha fatto sconti: «Da quello che si vede nelle immagini siamo davanti a fatti inaccettabili» fu il commento del primo cittadino, che diede «subito mandato per l'apertura di un procedimento disciplinare».

Continua a leggere su Il Mattino Digital
Venerdì 2 Dicembre 2016, 08:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP