«Noi, padroni a casa nostra»
Pontida nasconde la scritta

ARTICOLI CORRELATI
di Pietro Treccagnoli

  • 53
Pontida. Per un giorno a Pontida hanno deciso di non essere padroni. Nel pomeriggio una mano anonima ha cancellato la scritta storica, del 1990 su muro del pratone della Lega che recitava a caratteri verdi cubitali: “Padroni a casa nostra”. Un atto di prudenza, si diceva nei bar, per evitare vandalismi. Già in passato la lettera “P” era stata trasformata in “L”. Da Padroni a Ladroni. Il sindaco Luigi Carozzi non ne sa nulla.
 

Ma la voce che gira puntava sui vertici della Lega che avrebbe voluto anticipare uno eventuale scherzo a loro giudizio offensivo, da parte degli antagonisti che si sono dati appuntamento per oggi nella capitale mitica del Carroccio. Se è l’inizio di una disfida (che potrebbe degenare) o solo cautela si capirà oggi. La Lega da tempo ha fatto il passaparola invitando a non rispondere a provocazioni. Intanto, ieri, splendeva un magnifico sole primaverile, ieri.. Un cielo azzurro napoletano che sembrava un ottimo auspicio per l’invasione degli untorelli, calati e risaliti da tutt’Italia per la Giornata dell’Orgoglio antirazzista, organizzata da Insurgencia e alla quale hanno aderito decine di associazioni e centri sociali di tutto il Paese. A girare per le quattro stradine della città del Giuramento dello Spadone di Alberto da Giussano, 4mila anime scarse, sparse per villette, colline e microborghi prealpini, si respirava un’aria di tranquillità ostentata e sospetta. Prevalevano i mugugni contro l’ordinanza del sindaco che per oggi ha imposto la chiusura a negozi, bar, scuole, uffici, allo stesso Comune e persino al cimitero che si trova accanto al prato dove alle 14 comincerà il concerto dei Terroni Uniti.

Tutto è pronto, quindi, per l’arrivo dei circa tremila manifestanti (tanti ne prevedono gli organizzatori). Da Napoli sono partiti ieri sera quattro pullman, altri si sono mossi nella notte da Sud e da Nord. Ieri pomeriggio il prato del concerto, poco lontano dalla Basilica e dalla casa del sindaco, è stato parzialmente falciato. In serata c’è stato un sopralluogo degli organizzatori per stabilire dove va montato il palco. 


CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL
Sabato 22 Aprile 2017, 00:00 - Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 22:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP