Ballerina napoletana morta trascinata dall'auto dell'ex: la città si stringe intorno alla madre per l'ultimo saluto

I manifesti affissi a Melito
ARTICOLI CORRELATI
di Giovanni Mauriello

Dalla camera ardente, allestita presso la sala mortuaria del II Policlinico, dopo l’autopsia conclusa ieri, la salma di Alessandra Madonna, la giovane ballerina trascinata ed uccisa dall’auto dell’ex fidanzato, giungerà  alle 10, nella settecentesca parrocchia S. Maria delle Grazie, a Melito, la cittadina dove viveva con la madre. Alle 11 è previsto l’inizio del rito funebre, officiato dal parroco don Italo, alla presenza dei familiari e dei tantissimi amici della ragazza. Tra i banchi del tempio religioso molti cittadini ed i rappresentanti delle istituzioni.
 
 

Il sindaco Antonio Amente ha proclamato il lutto cittadino per l’intera giornata. Affissi manifesti di cordoglio dell’amministrazione comunale, per la giovane vita spezzata in modo tragico. Bandiere a mezz’asta al municipio e traffico deviato in via Roma e piazza Santo Stefano, per permettere lo svolgimento dei funerali in completa sicurezza. Per l’estremo saluto alla 24enne, appassionata di ballo, si fermerà per qualche ora l’intera comunità locale. Resteranno aperte invece le scuole, ma gli studenti avranno in classe una pausa di riflessione sul tragico evento.
 
Mercoledì 13 Settembre 2017, 08:23 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP