Welfare Napoli, Carfagna attacca
sindaco e assessore Gaeta

«Oggi si è toccato il fondo confondendo il ruolo politico con quello istituzionale. L'amministrazione de Magistris, durante la seduta monotematica sul welfare, ha presentato slide rappresentative di una città che non esiste, una propaganda vergognosa che non fa onore alla terza città d'Italia, una Napoli, raccontata dal sindaco, diversa da quella che i napoletani vivono sulla propria pelle. Così si è persa l'occasione per fare il punto su una questione delicata come il welfare». Così, in una nota, Mara Carfagna, deputato e consigliere comunale a Napoli di Forza Italia, nel corso della seduta monotematica sul welfare richiesta dalle opposizioni e disertata da de Magistris e parte della maggioranza.

«Da de Magistris e dalla sua giunta - ha continuato Carfagna - ci aspettiamo numeri e soluzioni concrete invece di propaganda di regime o lezioni di sociologia; l'amministrazione è stata capace di trasformare il Consiglio comunale in un congresso di partito per autocelebrarsi. Avremmo voluto parlare dell'assistentato materiale che non è ancora partito perché si deve valutare, a fine novembre, il fabbisogno dopo cinque anni di amministrazione e tre mesi dall'inizio dell'anno scolastico. Non ci hanno spiegato perché hanno emesso in ritardo il bando dei centri antiviolenza, dopo svariati mesi dal decreto di riparto del 2014 e dalle linee guida del 2015. Il trasporto scolastico non è mai partito e dei 30 automezzi disponibili sono utilizzabili solo 6 mentre 24 sono in manutenzione: anche di questo avremmo voluto discutere con l'assessore Gaeta. Ci aspettavamo tabelle e numeri perché il bilancio pluriennale che la maggioranza si è approvata da sola fa venire i brividi: è una pietra tombale sul futuro delle politiche sociali in questa città che subiscono un taglio di 130 milioni di euro. L'assessore Gaeta parla anche di futuro e prospettive ma con questi numeri cosa racconteremo l' anno prossimo? Che l' amministrazione non sarà in grado di fornire servizi e prestazioni sociali? Nell'azione di questa amministrazione purtroppo non c'è nessun futuro e nessun orizzonte per le fasce deboli di questa città. Il sindaco ci aveva promesso che a novembre avremmo discusso il bilancio per il 2017 aggiustando il tiro rispetto al triennale approvato ad agosto ma novembre è passato e dall'amministrazione non è arrivata nessuna risposta», ha concluso l'esponente di Forza Italia.
Mercoledì 30 Novembre 2016, 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP