Maturità, la fine del rito
di passaggio

di Adolfo Scotto di Luzio

Per buona parte del Novecento gli italiani colti hanno fatto un incubo ricorrente: l’esame di maturità. E ne avevano ben donde. Istituito da Giovanni Gentile nel 1923 e ripristinato da Guido Gonella, dopo la parentesi della guerra, la maturità era un esame «impossibile». Fino al 1969 si svolgeva davanti a commissioni composte esclusivamente da professori esterni, un terzo dei quali erano universitari. In quell’anno, sotto la pressione degli eventi del Sessantotto, il ministro Fiorentino Sullo...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 19 Giugno 2017, 23:17 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2017 23:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP