«Ora faccio l’americano
È la mia seconda vita»

di Federico Vacalebre

Le classifiche di (scarse) vendite dei big del pop italiano dicono, oltre che di una ormai devastante crisi discografica, anche della difficoltà di sintonizzarsi con le nuove generazioni. Problema che non sembra avere Tiziano Ferro, che pubblica oggi «Il mestiere della vita» a cinque anni da «L’amore è una cosa semplice» e, alla testa di una personalissima factory disegna un sound (post)moderno, elettronico ma con aperture melodiche, sospeso tra falsetti e talkin’, aperto alle tendenze dance...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
PROVA GRATIS



Giovedì 1 Dicembre 2016, 23:44 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2016 23:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP