Viterbo, la Coppa Italia pizza a un romano
Il napoletano Cacialli vince la Margherita doc

A+ A- Stampa
VITERBO (4 maggio) - Antonino Giammatteo, 50 anni, romano, proprietario della pizzeria «La Genzanese» di Velletri (Roma) ha vinto la prima edizione della Coppa Italia di pizza di qualità, disputata ieri ed oggi a Palazzo Doria Pamphilj di San Martino al Cimino (Viterbo).

Per aggiudicarsi il trofeo Giammatteo si è classificato ai primi posti in sei delle otto categorie in programma. I vincitori delle singole batterie sono: Enzo Cacialli di Napoli per la margherita doc, Gesualdo Caltabiano di Cosenza per la pizza classica, Antonio Sacco di Trento per il calzone doc, Angelo Stefano D'Auria di Livorno per la pizza in teglia, Patrizio Moretti di Viterbo per la pizza dessert, Giancarlo Rendina di Viterbo per la pizza senza glutine, Antonino Giammatteo per la pizza alla pala, Antonio Trivento, pugliese per la pizza artistica.

Alla Coppa Italia, organizzata dall'Unione Europea pizzaioli tradizionali e ristoratori, hanno partecipato circa 120 pizzaioli di tutta Italia. La delegazione più numerosa con 40 partecipanti è stata quella pugliese, seguita da quella campana con 20. Come ha spiegato il presidente dell'Unione pizzaioli, Alfredo Folliero, la manifestazione è stata organizzata nella Tuscia perchè qui lavora il detentore della Coppa del Mondo 2010, Giuseppe Cravero. Lo stesso Folliero ha poi annunciato che da quest'anno l'Unione organizzerà una manifestazione dedicata alla diffusione e alla tutela della pizza tradizionale in provincia di Viterbo.
martedì 4 maggio 2010 - 21:03
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

CONDIVIDI L'ARTICOLO

DIVENTA FAN DEL MATTINO