Morto il principe Antonello Ruffo di Calabria: fondò il primo parco ornitologico italiano

È morto a Roma, all'età di 87 anni, lo scorso 24 agosto, il principe Antonello Ruffo di Calabria, fratello maggiore di Paola di Liegi. Uomo visionario e dalla grande sensibilità ambientalista, è stato il creatore negli anni Settanta del primo parco ornitologico italiano Il Parco Uccelli a La Selva di Paliano (FR), in quella che era la sua tenuta di famiglia.

Viaggiatore curioso e instancabile è stato il primo aristocratico a recarsi a Cuba dopo la rivoluzione; personaggio ingombrante per la sua eccentricità, amico di artisti e intellettuali come Sandro Penna, Ennio Flaiano, Tonino Guerra, Leonardo Sciascia, Achille Campanile e molti altri che trovavano nel verde della sua tenuta ospitalità e stimoli alla loro creatività. Ha collezionato treni a vapore e fatto costruire nella sua tenuta una ferrovia privata, usata nel 1984 per
girare la scena finale del film cult «Non ci resta che piangere» con Benigni e Troisi.

La sua vita avventurosa è stata recentemente raccontata nel libro edito da Castelvecchi «Il principe che spostava le colline» di Giusy Colmo.
Sabato 26 Agosto 2017, 12:29 - Ultimo aggiornamento: 29-08-2017 08:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP