Processo Banca Etruria, assolti tutti gli imputati

6
  • 115
Sono stati assolti l'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l'ex dg Luca Bronchi e il direttore centrale Davide Canestri imputati per ostacolo alla Vigilanza. Lo ha deciso il gup del tribunale di Arezzo Annamaria Loprete.

«Il fatto non sussiste» è la formula usata dal gup per quanto riguarda l'operazione relativa alla cessione di immobili, in particolare quelle della società Palazzo della Fonte, una di quelle sulle quali gli ispettori di Bankitalia avevano segnalato possibili criticità di rilevanza penale nel bilancio 2012. «Il fatto non costituisce reato» è invece la formula usata dal gup per il capo d'imputazione relativo ai presunti crediti deteriorati.

L'accusa era sostenuta dal procuratore della repubblica di Arezzo Roberto Rossi e dal pm Julia Maggiore, che avevano chiesto due anni e 8 mesi per Fornasari e Bronchi e 2 anni per Canestri. L'ex dg e il direttore centrale erano presenti alla lettura della sentenza mentre Fornasari, che aveva assistito alla prima parte dell'udienza di stamani è stato chiamato dal suo avvocato Antonio D'Avirro che gli ha comunicato l'assoluzione.


«Era chiaramente commosso e contento». Così l'avvocato Antonio D'Avirro difensore dell'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari riferisce i primi sentimenti espressi da quest'ultimo quando il legale lo ha chiamato per comunicargli la sentenza di assoluzione dalle accuse mosse a lui e all'ex dg Luca Bronchi e al direttore centrale Davide Canestri dalla procura di Arezzo nell'ambito del primo filone d'inchiesta su Banca Etruria quello in cui il procuratore Roberto Rossi aveva ipotizzato l'accusa di ostacolo alla Vigilanza.

«È stata riconosciuta l'estrema correttezza di Fornasari - ha proseguito D'Avirro - subentrato in un momento di grande difficoltà per la banca che però ha sempre lavorato nell'interesse dell'Istituto con estrema correttezza». Soddisfatto anche Stefano Lalomia, uno dei difensori di Canestri per il quale «questa era la soluzione che ci aspettavamo perché anche nel corso delle udienze avevamo dimostrato la correttezza e il lavoro fatto per la banca dai nostri assistiti».

All'uscita né Bronchi né Canestri hanno voluto rilasciare dichiarazioni anche se entrambi hanno dimostrato la loro soddisfazione. «Voglio ricordare - ha detto l'avvocato Antonio Bonacci che insieme al collega Carlo Baccaredda, assisteva l'ex dg - che il processo è stato fatto sulle carte dell'accusa e che noi avevamo accettato il rito abbreviato proprio perché convinti della correttezza poi dimostratasi nel corso del processo.

Le reazioni. «Giudichiamo inammissibile e vergognosa l'assoluzione dall'accusa di ostacolo all'autorità di vigilanza per l'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l'ex direttore generale Luca Bronchi e il dirigente David Canestri. Quello di oggi è un colpo durissimo per i risparmiatori». È il commento dell'Associazione Vittime del Salva-Banche, che riunisce gli ex azionisti ed ex obbligazionisti di Banca Etruria, alla sentenza del gup del Tribunale di Arezzo al primo processo sul dissesto dell'istituto di credito. «Fornasari (ex presidente del cda dal 2011 al 2014), Bronchi (ex dg) e Canestri (attuale direttore centrale) erano accusati di aver occultato i crediti deteriorati nel bilancio del 2012 facendoli apparire come crediti incagliati e, quindi, ancora recuperabili - si legge in una nota dell'Associazione - Una classificazione errata che avrebbe sviato, secondo la tesi dell'accusa non riconosciuta dal gup, la vigilanza della Banca d'Italia che pretese poi una ricapitalizzazione evidentemente inferiore al necessario con la conseguenza che la banca aretina fu poi commissariata nel febbraio del 2015 quando gli esponenti di vertice, oggi assolti, erano già stati avvicendati». «Oggi apprendiamo che per il gup, invece, 'il fatto non costituisce reatò - commenta l'Associazione - Non prendendo in considerazione che proprio questa errata valutazione ha portato alle conseguenze che tutti conosciamo, e all'azzeramento di tanti risparmiatori, raggirati con dolo all'acquisto di tale obbligazioni per ripianare i debiti di una gestione scellerata dei vertici. Vertici che adesso sono prosciolti dalle accuse e che potranno rivestire altri importanti incarichi». (segue) (Red-Xio/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 30-NOV-16 15:46 NNNN BANCA ETRURIA: EX OBBLIGAZIONISTI, SENTENZA VERGOGNOSA (2) = (AdnKronos) - L'Associazione Vittime del Salva-Banche «si riversa di leggere la sentenza per capire cosa abbia indotto il gup del tribunale di Arezzo ad una sentenza così inaspettata ed in contrasto con le aspettative e le accuse mosse dalla stessa Banca d'Italia che ha multato i 3 imputati a giudizio proprio per ostacolo alla vigilanza». «Qualcosa in questa vicenda non torna: o si è nascosto alle autorità di vigilanza i crediti in sofferenza oppure banca Italia non doveva risolvere la banca e valutare al 17% i crediti in sofferenza - conclude la nota - Che siano a questo punto messe in luce responsabilità ben più alte, ovvero quella di Banca d'Italia e di Consob».
Mercoledì 30 Novembre 2016, 13:40 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2016 16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2016-11-30 15:21:34
Tanta pubblicità per una causa minore che nulla ha a che vedere con gli scandali ben noti che la hanno vista protagonista, perfino nella truffa dei gettoni d'oro venduti alla RAI !
2016-11-30 16:50:44
...eh eh, "pittoresco" folklore!
2016-11-30 18:42:13
C'è ancora qualcosa in questo sventurato paese che possa stupirci?
2016-12-01 07:02:35
col " metodo Berlusconi " i magistrati avrebbero indagato i risparmiatori per verificare come hanno accumulato quei soldi , in fondo ai truffati e' andata anche bene
2016-12-01 08:10:43
se vieni fermato dalla polizia in un bar o fuori un circolo con più di una persona ti viene contestata l'associazione semplice questi non so quanti di loro sono che hanno rubato i risparmiatori dei loro sacrifici (tutti assolti)bahhhhhhhhhh

QUICKMAP