Barcellona, ucciso il killer Younes. La polizia: "Neutralizzata l'intera cellula"

Barcellona, caccia all'autista in fuga: diffuse le foto dopo la strage sulla Rambla
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 57
Il killer di Barcellona è stato a ucciso dai Mossos d'Esquadra a Subirats in Catalogna, riporta La Vanguardia. Younes Abouyaaqoub, 22 anni, è sospettato dalla Polizia di essere l'uomo al volante del furgone che ha seminato la morte sulla Rambla. 

Secondo i media spagnoli, il killer, segnalato alla polizia da un'anziana nel paesino in collina a 50 chilometri a ovest di di Barcellona, aveva una finta cintura esplosiva e ha urlato “Allahu Akbar prima di cadere al suolo, colpito dai proiettili degli agenti mentre fuggiva in un vigneto. La donna, che abita nei pressi del rifuglio del terrorista, ha chiesto a quello sconosciuto che cosa stesse facendo in paese e, alla sua fuga, ha avvisato la polizia.

A portare la polizia sulla pista del fuggitivo potrebbero essere state anche le informazioni ricavate dal ferito nell'esplosione di Alcanar costata la vita a due terroristi.

Nellla piccola Subirats, 2.500 abitanti che si conoscono tutti fra di loro, subito circondato da un imponente cordone di sicurezza, è arrivato anche un robot che ha accertare che la cintura era fasulla come quelle indossate dai cinque terroristi ucciso a Cambrils giovedì notte, a poche dalla strage di Barcellona.


 
L'imam morto nel covo. «L'imam Abdelbaki es Satty è morto nell'esplosione nel covo di Alcanar». Lo ha annunciato in conferenza stampa il capo della polizia catalana, Josep Lluis Trapero. «I resti dell'imam erano lì», ha aggiunto. Es Satty è considerato il leader della cellula terroristica che ha colpito a Barcellona e Cambrils. Il religioso, ha precisato Trapero, è una delle due persone uccise nell'esplosione mercoledì notte del covo di Alcanar. Il secondo morto non è stato ancora formalmente identificato.

Stamani erano state pubblicate dai media spagnoli le prime immagini di Younes Abouyaaqoub in fuga dopo la strage sulla Rambla. El Pais online pubblica tre foto del jihadista mentre si allontana dal luogo dell'attentato a piedi, con indosso gli occhiali da sole, attraverso il mercato de La Boqueria, vicino al punto dove il furgone della strage si è schiantato contro un'edicola dopo avere travolto la folla, facendo 14 morti e 134 feriti.



Il giovane sarebbe poi uscito dall'ingresso posteriore dirigendosi, a passo sostenuto ma senza correre per non dare nell'occhio, verso la zona universitaria dove poi avrebbe aggredito e accoltellato a morte Pau Perez, la 15esima vittima dell'attacco, per rubargli l'auto.




La polizia catalana ha trasferito questa mattina in ambulanza da Tortosa a Barcellona Mohamed Houli Chemlal, 21 anni, l'unico sopravvissuto nell'esplosione della base operativa della cellula jihadista ad Alcanar, vicino a Tarragona. Il giovane, ferito nell'esplosione provocata probabilmente da un errore nella manipolazione degli esplosivi da parte di un membro della cellula, è in arresto. Il ministro degli interni catalano Joaquim Forn ha detto ieri che collabora con la polizia, cui ha fornito informazioni utili che hanno consentito progressi nell'inchiesta. Fra le macerie del covo della cellula gli inquirenti hanno individuato i resti biologici di tre persone, una delle quali sarebbe l'imam di Ripoll Abdelbaki es Satty, sospettato di essere l'indottrinatore e il leader del gruppo.

La polizia catalana si era anche coordinata con le polizie europee. Un mandato di cattura comunque è stato trasmesso alle autorità degli altri paesi europei. 

L'Audi A3 utilizzata per l'attacco terroristico a Cambrils era stata fotografata da un autovelox, nella regione parigina dell'Ile-de-France, circa una settimana prima degli attentati. Rende noto invece Le Parisien, sottolineando
che «secondo fonti concordanti, al momento le indagini non hanno stabilito nessun legame operativo con la Francia». «Potrebbe trattarsi di un semplice transito su un tragitto più lungo» scrive il quotidiano. L'informazione proviene dalla cooperazione tra forze dell'ordine organizzata «a livello europeo per identificare eventuali complici» afferma il giornale parigino. Bfmtv ha affermato che la macchina è immatricolata in Spagna e non risulta essere stata affittata o rubata.

Il presidente della Generalitat, Carles Puigdemont, ha nel frattempo negato che la Cia abbia mai avvertito le forze
di sicurezza catalane di un possibile attentato a Barcellona. In un'intervista a Objetivo, Puigdemont ha smentito così le notizie che erano circolate subito dopo l'attacco sulla Rambla. «Non esiste alcun contatto» tra le forze di sicurezza catalane e le agenzie di intelligence internazionali.






 
Lunedì 21 Agosto 2017, 11:20 - Ultimo aggiornamento: 22-08-2017 13:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP