Brescia, inseguì il ladro in fuga e lo uccise con colpo di fucile: rinviato a giudizio per omicidio

Il gup del tribunale di Brescia ha rinviato a giudizio per omicidio volontario il 31enne Mirko Franzoni che a dicembre 2013 uccise un ladro che era entrato in casa del fratello. Il delitto avvenne dopo un inseguimento per le vie di Serle, paese bresciano di residenza dei Franzoni, e il ladro, l'albanese 26enne Eduard Ndoj, venne ucciso da un colpo di fucile. Mirko Franzoni ha sempre spiegato che non voleva uccidere ma che il colpo era partito accidentalmente. Il processo inizierà il 13 settembre.
Giovedì 18 Maggio 2017, 15:04 - Ultimo aggiornamento: 18-05-2017 16:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-05-19 00:26:37
Non riuscirò mai a capire tutto questo chiasso sulla legittima difesa.... a me risulta che è sempre esistita quando devi difendere te stesso e la tua famiglia da un pericolo incombente: ladri che ti entrano in casa o vieni assalito da qualcuno etc. etc. ma se tu sei chiuso in casa ed il ladro è fuori o quando, come nel caso in questione, ti metti ad inseguire il ladro e ti metti a sparare anzichè chiamare la polizia, allora per me quello è tentato omicidio od omicidio... non è legittima difesa ma farsi giustizia da soli.

QUICKMAP