Furti, estorsioni e rapine: i baby bulli serviranno i pasti agli anziani per un anno

VICENZA - Un anno di volontariato con gli anziani per "espiare" le azioni di bullismo contro alcuni coetanei: é la pena patteggiata davanti al Tribunale dei minori di Venezia da sei giovani vicentini e non, accusati di una serie di furti, estorsioni e rapina ai danni di coetanei. Gli imputati, racconta il Giornale di Vicenza, si sono impegnati, d'intesa con Procura e legali, ad andare tutti i fine settimana a consegnare la cena del sabato e i due pasti della domenica agli anziani ospiti di due case di riposo. Per farlo, si sono detti pronti a rinunciare alle ferie estive o comunque a rientrare in città in tempo utile per essere operativi in cucina o in mensa.  Per parecchi mesi fra l'autunno del 2013 e la primavera del 2014 avevano utilizzato la stazione delle corriere di Alte Ceccato come "base operativa" per furti di telefonini a coetanei, effettuati quasi sempre sui bus.
Sabato 18 Marzo 2017, 11:25 - Ultimo aggiornamento: 19-03-2017 10:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-03-18 15:22:28
a zappare la terra sotto il sol leone!
2017-03-18 13:46:49
Una altra vergogna Italiana ,gli do tempo tre mesi e questi ragazzi lo faranno di nuovo tanto ci sta papa e mamma e l'avvocato che li difendono e il giudice umanista .....

QUICKMAP