Tasse sulla casa, l'ennesimo pasticcio: nel 2014 sulle seconde case si applica l'Imu o la Tasi?

Molti comuni hanno giÓ applicato nel 2013 l'aliquota massima Imu sulle seconde case e quindi nel 2014 non potranno superare questa quota e quindi dovranno decidere se applicare la Tasi riducendo l'Imu o applicare solo l'Imu. ├ł quanto afferma Confedilizia che in una nota spiega come ┬źsu 20 Comuni capoluogo di Regione, ben 15 hanno deliberato per il 2013 l'aliquota Imu ordinaria nella misura massima del 10,6 per mille. Le aliquote pi├╣ basse sono quelle, oltre che dell'Aquila, di Comuni appartenenti a Regioni a statuto speciale┬╗.





┬źTale aliquota - oltre a comportare per quest'anno il pagamento di imposte altissime specie per i proprietari di immobili dati in affitto, a causa della perdurante applicazione degli spropositati moltiplicatori Monti, a suo tempo presentati come eccezionali e, dunque, transitori - dovr├á essere ridotta nel 2014 da tutti i Comuni che l'hanno deliberata per quest'anno se questi comuni (per effetto di una disposizione della legge di stabilit├á) vorranno applicare la Tasi agli immobili diversi dall'abitazione principale ed agli occupanti┬╗.



Fra i capoluoghi di regioni coinvolti nell'enesimo mistero fiscale c'├Ę anche Napoli che applica l'aliquota massima del 10, 6%.


Gioved├Č 12 Dicembre 2013, 18:05




QUICKMAP