Migranti, preso Rambo il torturatore
che uccideva e seviziava le vittime

1
  • 10
Avrebbe violentato, picchiato e torturato decine di migranti in attesa di partire dalla Libia per l'Italia. Non solo. "Rambo", come veniva chimato, avrebbe anche organizzato il traffico di esseri umani. Con questa accusa, la Polizia di Stato di Agrigento ha fermato John Ogais, nigeriano, 25 anni, che si trovava nel Cara "S.Anna" di Isola di Capo Rizzuto, in Calabria.
 

I reati contestati sono la tratta di migranti tra la Libia e la Sicilia, sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento di immigrazione clandestina. Secondo la Squadra mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi, Ogais sarebbe uno dei complici di Sam Eric Ackom, il ghanese arrestato lo scorso marzo dalla Squadra Mobile di Agrigento. Ad accusare il nigeriano sono stati alcuni testimoni approdati di recente a Lampedusa. Agghiaccianti i loro racconti. Hanno detto agli investigatori di avere assistito al pestaggio mortale di due giovani, mentre erano in Libia. L'inchiesta è coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Vo e di pm Gery Ferrara e Giorgia Spiri.

«Durante la mia permanenza all'interno di quel 'ghettò da dove era impossibile uscire ho sentito che l'uomo che si faceva chiamare Rambo ha ucciso un migrante. So che mio cugino e altri hanno provato a scappare e che sono stati ripresi e ridotti in fin di vita, a causa delle sevizie cui sono stati poi sottoposti». Comincia così il drammatico racconto di una delle vittime di John Ogais, nigeriano, 25 anni, detto Rambo, fermato dalla polizia nel Cara di Isola Capo Rizzuto. È uno dei componenti dell'organizzazione criminale, scoperta dalla Dda di Palermo, che gestiva i viaggi dei migranti tra la Libia e le coste siciliane.

È accusato, oltre che di tratta di esseri umani, di omicidio, sequestro di persona, e violenza sessuale. «Vi era un altro tale Rambo della Nigeria - conferma uno dei testimoni delle violenze che ha aiutato gli inquirenti a identificare l'africano fermato - che anche se non mi ha picchiato seviziava altri migranti. Le torture cui sono stato sottoposto sono innumerevoli. Sono stato torturato con i cavetti elettrici in tensione. Mi facevano mettere i piedi per terra dove precedentemente avevano versato dell'acqua. Poi azionavano la corrente elettrica per fare scaricare la tensione addosso a me. Subivo delle scariche elettriche violentissime. Questo avveniva circa due volte alla settimana. Alcune volte mi picchiavano, in varie parti del corpo, con dei tubi. Alcune volte mi legavano le braccia e poi mi appendevano in aria, per picchiarmi violentemente».

«Una volta, - prosegue il drammatico racconto - ho avuto modo di vedere che Rambo, il nigeriano, ha ucciso dopo averlo imbavagliato e torturato a lungo, un migrante suo connazionale che si trovava lì con noi». «Ho assistito personalmente al pestaggio sino alla morte di due persone, un nigeriano minorenne e un altro uomo, anch'esso nigeriano ucciso da Rambo davanti al fratello della vittima - conferma un terzo testimone -. Nello stesso momento dell'omicidio, Rambo minacciava armato di pistola, il fratello della vittima, di non raccontare nulla alla famiglia e di farsi mandare immediatamente i soldi».
Martedì 20 Giugno 2017, 08:09 - Ultimo aggiornamento: 21-06-2017 14:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-20 09:39:21
Tutti insieme clandestini e carcerieri all'arrembaggio di questa sciagurata nazione a prendersi la loro fetta di welfare offerta loro dal governo a spese degli italiani.Debito pubblico alle stelle, disoccupazione, povertà diffusa,disagio sociale degli italiani...Ma nulla ferma queste orde organizzate favorite dal governo e dalla chiesa a prendersi il loro posto al sole. Pazienza che ci costano una ventina di miliardi l'anno;che porteranno per forza di cose delinquenza e occupazioni;che in forza dei diritti regalati loro dal partito democratico si avvantaggeranno per le case popolari,che già non pagano la sanità mentre gli italiani non si curano. Pazienza...nulla sembra poterli fermare.Non perchè non si può,ma perchè non si vuole se no un barcone si fermerebbe con un pedalò e lo si riaccompagnerebbe indietro;alle navi ong vero regista occulto si potrebbe vietare l'attracco, come fanno tutti.E invece per le decisioni di una minoranza il paese deve subire,piegarsi per la gioia di tutti gli altri paesi che vedono con gioia questo comportamento che salva l loro confini.

QUICKMAP