Video a luci rosse messo in chat
per i 4 ragazzini arriva il perdono

di Luca Ingegneri

0
PADOVA - Se la sono cavata con una lavata di capo. Una specie di ramanzina ma senza conseguenze di natura penale. Perdono giudiziale. È un istituto giuridico che viene applicato spesso agli imputati che approdano al Tribunale dei Minorenni. Ieri ne hanno beneficiato anche i quattro ragazzini, all’epoca dei fatti 14enni e 15enni, tutti residenti nello stesso comune della cintura urbana, accusati di pornografia minorile per aver fatto circolare tra amici e in due chat su whatsapp le immagini a luci rosse di una quindicenne che aveva inscenato uno spogliarello per un coetaneo. I quattro minori hanno ammesso le proprie responsabilità e chiesto scusa. Hanno confermato di aver fatto girare quelle immagini a titolo gratuito e per gioco, senza rendersi minimamente conto della gravità del loro comportamento. La lezione dovrebbe essere servita. Questa almeno l’opinione del giudice per l’udienza preliminare Valeria Zancan che ha formulato un giudizio prognostico positivo. È probabile che il quartetto si sia effettivamente reso conto di averla combinata grossa e non incappi più in altre disavventure simili. C’erano quindi i presupposti per poter applicare il perdono giudiziale e chiudere il procedimento penale. Qualora però dovessero ripetersi condotte identiche i quattro ragazzini rischierebbero grosso. 
Venerdì 23 Settembre 2016, 15:37 - Ultimo aggiornamento: 23-09-2016 20:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP