Terremoto, dalla commissione Europea
30 milioni di euro per la ricostruzione

Bruxelles batte un colpo e dimostra nei fatti la sua solidarietà, dopo le feroci scosse che hanno distrutto territori dell'Italia centrale. La Commissione europea annuncia l'erogazione di una prima tranche di aiuti per un ammontare di 30 milioni di euro dal Fondo di solidarietà Ue (Fsue) e propone di finanziare totalmente le operazioni di ricostruzione nell'ambito dei programmi dei fondi strutturali 2014-2020. Le iniziative hanno avuto luce verde oggi alla riunione dei commissari.

«È nostro dovere di europei restare a fianco dell'Italia e dei suoi cittadini, che in questi momenti difficili stanno dando prova di un coraggio straordinario, per aiutarli a superare il prima possibile le conseguenze dei terremoti e a ricostruire completamente le aree danneggiate. La ricostruzione della bellissima basilica di San Benedetto a Norcia con l'aiuto dei fondi Ue sarà un simbolo duraturo della solidarietà europea e della capacità di riprendersi del popolo italiano», ha commentato il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker. «Siamo passati dalle parole ai fatti continuando a rispondere alle specifiche esigenze delle comunità colpite attraverso il Fondo di solidarietà dell'Ue e la politica di coesione. Resteremo a fianco dell'Italia durante tutto il processo di ricostruzione», ha aggiunto il commissario per la Politica regionale Corina Cretu.

Entro la prossima settimana l'Italia riceverà un primo versamento di 30 milioni di euro dal Fsue, ovvero l'importo più alto che possa essere versato a titolo di anticipo. E una volta che le autorità italiane avranno concluso la valutazione dei danni causati dal terremoto di ottobre, Bruxelles proporrà un importo definitivo dell'aiuto, da sottoporre all'ok di Parlamento e Consiglio Ue. Ma l'esecutivo comunitario ha deciso anche di proporre il «cofinanziamento fino al 100% delle operazioni di ricostruzione in seguito a catastrofi naturali».

La proposta potrà essere utilizzata da tutti i 28, ma se avrà il via libera, verrà usata per la prima volta dall'Italia. Bruxelles propone infatti di modificare il regolamento relativo alla politica di coesione per il periodo 2014-2020 e di introdurre la possibilità di finanziare totalmente le operazioni di ricostruzione, compreso il restauro del patrimonio culturale, attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). L'iniziativa - che deve ora ricevere il via libera del Parlamento europeo e del Consiglio - integrerebbe il sostegno del Fondo di solidarietà Ue e permetterebbe di risparmiare risorse nazionali. Infine, una volta terminate le consultazioni con le autorità nazionali, Bruxelles annuncerà come saranno investiti i fondi extra della politica di coesione - 1,6 miliardi di euro - che l'Italia riceverà a seguito del riesame delle dotazioni della politica di coesione, per gli effetti della crisi. Bruxelles ha già annunciato che sarebbe favorevole ad impiegarne parte per coprire i danni causati dai terremoti, oltre a finanziare progetti volti a far fronte alla sfida della migrazione, lottare contro la disoccupazione giovanile e creare crescita e lavoro.
Mercoledì 30 Novembre 2016, 20:44 - Ultimo aggiornamento: 30-11-2016 22:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP