«Sul Vesuvio è tornato l'inferno»
Paura e rabbia tra la gente | Video

ARTICOLI CORRELATI
di Paolo Barbuto

  • 1464
Il Vesuvio continua a bruciare, le fiamme dall'alba, alimentate dal vento, hanno ripreso vigore nell'area di Torre del Greco e sul fronte opposto, a San Giuseppe Vesuviano. Momenti di paura soprattutto a Torre del Greco dove l'incendio ha ripreso vigore a partire dalle prime luci dell'alba e si è pericolosamente avvicinato alla zona abitata di via Montedoro: alcune famiglie sono state evacuate in attesa dei soccorsi. In serata numerose famiglie sono state evacuate anche dalla zona di Cappella Bianchini. Solo preoccupazione invece per l'ospedale Maresca dove lo stato di allerta è rimasto elevato ma per il quale non è stato mai ipotizzato lo sgombero dei degenti.
 
video di Sergio Siano - Newfotosud

Ritardi nella macchina dei soccorsi che aveva ormai considerato conclusa l'emergenza. Quando le fiamme hanno iniziato a riprendere vigore in zone vicine all'abitato, sono subito stati indirizzati nell'area due elicotteri che, però, a causa del forte vento, hanno potuto fornire interventi a singhiozzo. In azione anche un Canadair ma nessun mezzo di terra fino a mattinata inoltrata quando le richieste insistenti del vicesindaco Romina Stilo hanno portato qualche mezzo alle falde del Vesuvio.

Gli incendi nell'area del Comune di Torre si stanno moltiplicando. Un allarme è stato lanciato anche da via del Commercio, dove le fiamme avanzano in mezzo all'abitato. Rabbia e proteste da parte dei cittadini che si sono sentiti abbandonati e anche da parte degli operatori turistici che speravano di poter riprendere subito le attività e che invece, anche oggi, sono stati costretti a respingere i clienti a causa del pericolo.
Domenica 16 Luglio 2017, 18:29 - Ultimo aggiornamento: 17-07-2017 08:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP