Siria, al via a Ginevra i colloqui di pace: tra speranza e scetticismo

Staffan de Mistura a Ginevra
A Ginevra sono iniziati oggi i colloqui di pace «intra-siriani» sotto l'egida delle Nazioni Unite con poche speranze di progressi. Il leader siriano Bashar al-Assad è in una posizione di vantaggio dopo le «vittorie» dello scorso anno, prima su tutte quella ad Aleppo, mentre il fronte dei ribelli sembra sempre più spaccato e a Washington il nuovo piano a cui lavora l'Amministrazione Trump nel quadro della lotta all'Isis potrebbe comportare un significativo cambiamento della strategia Usa in Siria.

Così dal round di colloqui di Ginevra, che riprendono dopo 10 mesi dall'ultima tornata, nessuno si aspetta grandi progressi. I partecipanti ai colloqui discuteranno dei punti indicati nella risoluzione 2254, ovvero nuova governance, nuova costituzione ed elezioni, ma  anche l'inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, ha detto di non attendersi una svolta immediata. «La pace è possibile solo quando nessuna delle parti in conflitto ritiene di poter vincere. E - ha sintetizzato nel fine settimana il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres - non sono sicuro che in Siria si sia arrivati a questo punto».

Una serie di fattori fanno pendere la bilancia dalla parte di Assad: Russia e Iran (alleati di Damasco) hanno lanciato un processo diplomatico parallelo insieme alla Turchia, che in passato non ha risparmiato forti accuse ad Assad, e intanto Donald Trump sembra meno preoccupato di Barack Obama di chiedere al leader siriano di lasciare il potere e nell'invocare la «transizione politica». A questo si aggiungono le conquiste registrate lo scorso anno - dopo l'inizio nel 2015 dell'intervento militare russo - dalle forze e delle milizie fedeli al leader siriano, che oggi controllano le principali città del Paese.
Giovedì 23 Febbraio 2017, 19:12 - Ultimo aggiornamento: 24-02-2017 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP