Consip, la maggioranza regge. Respinta la mozione su Lotti

Piero Grasso (Ansa)
di Marco Conti

La maggioranza regge sul caso Consip: Il Senato ha approvato la mozione di maggioranza a prima firma Zanda, con 185 sì, 76 no e cinque astenuti. 

Le mozioni che chiedono l’azzeramento dei vertici Consip si votano, ma non quelle che chiedono la revoca delle deleghe al ministro dello Sport Luca Lotti. Pietro Grasso, presidente del Senato lo ha chiarito ad inizio seduta dichiarando non ammissibile la mozione di Mdp e leggendo una lettera del ministro dell’Economia Padoan nella quale si dà per decaduto l’intero cda che verrà rinnovato nell’assemblea del 27.

Gli scissionisti del Pd hanno rielaborato un nuovo testo, ma la questione più spinosa, ovvero il ruolo di Lotti, non viene affrontata di nuovo visto che, come ha ricordato Grasso, sul tema l’aula si è già pronunciata. 

Disinnescata la questione più politica, quella che ad inizio mattinata aveva spinto il renziano Davide Ermini a  sostenere che avrebbe messo in forse la stessa tenuta del governo, il dibattito è le successive votazioni perdono peso. Se ne duole, senza particolare enfasi Mdp, se ne lamenta il senatore del M5S Martelli, ma la legislatura è salva e il dibattito pure, ma forse - in attesa dell’inchiesta - non sarà l’ultimo.

 
Martedì 20 Giugno 2017, 12:36 - Ultimo aggiornamento: 21-06-2017 14:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-06-20 18:08:57
Respingere la mozione su Lotti, trasferire l'onorato magistrato Henry John Woodcock allora si che il caso Consip va a finire come vorrebbero molti parlamentari.
2017-06-20 16:11:23
Ma no, suvvia, chi potrebbe mai pensare che hanno creato la Consip non per risparmiare i soldi pubblici ma per spartirsi i mega appalti tra di loro, del giglio magico.
2017-06-20 14:37:46
Questa inchiesta, probabilmente, segnerà la fine politica di Renzi e del "giglio magico". Il PD vuole rinviare le mozioni perchè sa che tira brutta aria...la solita tracotanza!

QUICKMAP