Grillo e l'incubo Genova: nasce "Radio l'onta", la pagina degli ortodossi arrabbiati

di Stefania Piras

3
  • 12
Da Genova a Roma silenzio stampa sul caso Liguria. Grillo, ancora a Roma, ha incontrato Alessandro Di Battista che ha cercato per l'ennesima volta di sopire le polemiche legate all'esclusione della lista della candidata Marika Cassimatis. Come al solito i Cinque Stelle non gradiscono le domande sulle dinamiche interne al Movimento che però nel caso di Genova arriano dagli stessi attivisti e portavoce, uno su tutti il deputato savonese Matteo Mantero. Per Di Battista, invece non c'è nulla di cui discutere.

«In un paese normale - ha detto il deputato romano uscendo dall'hotel Forum - tutte queste telecamere dovrebbero stare davanti al tribunale di Roma per capire il sistema Pd-corruzione-Buzzi. Con Grillo non c'era nulla da risolvere. Siete voi che state montando un caso». Eppure a Genova le comunità di attivisti sono letteralmente spaccate, le chat infuocate con messaggi avversi e minacciosi nei confronti di chi sta cercando di capire la ratio della scelta di Grillo che in quanto proprietario del simbolo M5S è l'unico che può concedere il marchio. Cassimatis, in attesa di incontrare Grillo, sta preparando una conferenza stampa dove rivelerà tutti i nei della lista Pirondini, quella che ha ottenuto con una seconda votazione online dove il tenore era l'unico candidato, la certificazione per presentarsi con il simbolo M5S.

In Liguria, terra di ortodossi incalliti, non si metteranno via facilmente il caso Genova. In rete ci sono già degli spin off, delle creature figlie di questo dissenso dilagante. Sui social è nata la pagina Radio l'Onta, parodia sarcastica del blog ma soprattutto «un sevizio di coordinamento e informazione riservato ai Resistenti espulsi o autosospesisi dal MoVimento 5 Stelle ligure ed ai loro fiancheggiatori». A cosa serve? A fare ironia e contro informazione sul M5S Liguria: «Ad intervalli regolari verranno trasmessi comunicati in codice il cui significato apparirà chiaro solo ai Resistenti. È bene che i messaggi abbiano massima diffusione anche se non compresi». Ci sono infatti post e foto che mettono in discussione la linea ufficiale, quella che politicamente dipinge Cassimatis come una pericolosa dissidente pizzarottiana, inaffidabile. A tal proposito Radio l'Onta propone un confronto di foto: un'immagine di Beppe Grillo che abbraccia Marika Cassimatis e un'altra in cui Alice Salvatore posa felice accanto a Federico Pizzarotti.
Martedì 21 Marzo 2017, 13:11 - Ultimo aggiornamento: 22-03-2017 14:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-03-21 18:59:03
@sergenteromano: rassegnati, il M5S è il primo partito in Italia e presto manderà a casa Renzi e il suo "giglio magico" che ne hanno combinate di tutti i colori. Forza Grillo....evviva Di Maio!
2017-03-21 18:55:59
@sergenteromano: dovesti ringraziare il M5S per le battaglie che fa contro il magna magna della politica!!!
2017-03-21 14:26:34
ma che bella coppia in foto!!! mimì e cocò un guitto che vuol fare il politico e una specie di politico che è un guitto!!! grillesi siete ridicoli!!!!

QUICKMAP