Tortura, il presidente Grasso: «Il diritto internazionale ci chiede una legge»

Il presidente del Senato Piero Grasso
«È in corso il dibattito parlamentare per dotare finalmente l'Italia di una norma penale contro la tortura: una prerogativa delle parti politiche e io mi limito a ricordare che il diritto internazionale richiede che si vietino e puniscano le condotte dei pubblici ufficiali che provocano grave sofferenza fisica o psichica su persone in stato di
detenzione o comunque sotto il loro controllo, al fine di punirle indebitamente, di estorcere confessioni o informazioni». Lo dice il presidente del Senato Pietro Grasso.
L'invito del presidente di Palazzo Madama arriva durante un intervento alla presentazione della Rivista Scientifica «Diritto Penale della Globalizzazione»: «Segnalo anche - aggiunge Grasso - il rilievo della tortura che è al tempo stesso un crimine internazionale, una forma di crimine di guerra e crimine contro l'umanità e un delitto negli ordinamenti interni».
Lunedì 8 Maggio 2017, 13:40 - Ultimo aggiornamento: 08-05-2017 13:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP