Picchia la ex con una pompa e rischia di ucciderla
la Procura chiede il giudizio per lesioni e stalking

di Nicola Sorrentino

SCAFATI. Si rifiuta di tornare con l’ex e viene picchiata con una pompa di plastica, rischiando anche di rimetterci la vita. Dovrà rispondere di stalking e lesioni un nocerino, raggiunto dalla richiesta di giudizio immediato a firma della Procura. I fatti risalgono a poco prima di Natale, con una serie di denunce presentate dalla donna tempo addietro, con tanto di testimonianze e integrazioni. Nel fascicolo, sono descritti diversi episodi nei quali la stessa sarebbe stata pedinata più volte, specie nel mese di ottobre. In un’occasione, l’uomo arrivò a strattonarla mentre la vittima si trovava in auto, pronta per andare a lavoro, provando a trascinarla fuori dall’abitacolo. Spesso il 32enne, questa la sua età, si limitava solo a seguire la ex compagna, minacciandola da lontano e brandendo un pastone, senza però avvicinarsi. Non facendo altro però che far accrescere lo stato d’ansia della vittima

I pedinamenti avvenivano ovunque, spesso presso il luogo di lavoro o in prossimità della casa della donna. Fino all’episodio cruciale, datato 20 dicembre 2015, quando il nocerino a volto coperto tese un agguato alla sua ex che nel frattempo stava recandosi a lavoro. La colpì alle spalle con una pompa di plastica, tentando poi di stringergliela al collo. L’oggetto però scivolò e la ragazza riuscì a liberarsi. Fu costretta a medicarsi in ospedale, non prima però di aver sporto l’ennesima denuncia nei confronti del suo ex fidanzato. A decidere su di un eventuale processo sarà ora il gup, che valuterà l’evidenza delle prove sostenuta dal pm.




 
Sabato 16 Gennaio 2016, 17:13 - Ultimo aggiornamento: 17-01-2016 00:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP