Colpo grosso al supermercato:
40mila euro, caccia alla talpa

di Paola Florio

FISCIANO - Rapina a mano armata ad un’attività commerciale. Due malviventi, con il volto coperto e pistola alla mano, hanno minacciato il titolare del negozio costringendolo ad aprire la cassaforte. Il bottino si aggira sui quarantamila euro. Come facevano i rapinatori a sapere che in quel supermercato c’era una cassaforte? Inoltre, come erano al corrente che di prima mattina era presente un gruzzolo consistente di denaro che, non solo era il risultato di incassi precedenti, ma, in più c’erano i soldi che servivano a pagare alcuni fornitori? Dunque, si può ipotizzare che sapevano. Forse un colpo mirato. Probabilmente avevano studiato tutto nei minimi particolari. Ad indagare i carabinieri della compagnia di Mercato San Severino, agli ordini del maggiore Alessandro Cisternino. Altro particolare strano che farebbe pensare ad un colpo mirato è l’orario in cui hanno agito i rapinatori. Erano circa le sei del mattino. Il titolare era arrivato al negozio già da tempo per sistemare tutto per l’apertura. Una volta terminate le incombenze è andato a fare colazione in un bar poco lontano. Al ritorno si è diretto alla porta sul retro per rientrare nel locale ed è stato in quel momento che i malviventi lo hanno bloccato e minacciato con la pistola costringendolo ad entrare e ad aprire la cassaforte al cui interno c’erano alcune decine di migliaia di euro. Dopo aver preso la refurtiva, i delinquenti si sono dileguati e il proprietario dell’esercizio commerciale ha dato l’allarme. 
Giovedì 14 Settembre 2017, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 14-09-2017 12:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP