Critiche social dello chef Rugiati: disposto il sequestro del video

Critiche social dello chef Rugiati: disposto il sequestro del video
di Lino Lava

«Sono intollerante al liquido di conservazione del granchio in scatola. Ho preso un piatto di astice e ho sentito che dentro c’era quel liquido. Sono così incazzato che vi faccio vedere dove sono a cena. Se questa è la ristorazione italiana, mi vergogno». Il video di Simone Rugiati, trasmesso in diretta su Facebook la sera del 24 agosto, è stato visto in poche ore da 270 mila persone.

Ora non potrà più rivederlo nessuno. Il filmato è stato sequestrato dal giudice delle indagini preliminari Mariella Fino e adesso dovrà essere visionato solo dal pubblico ministero Federica Baccaglini, che ha aperto un procedimento nei confronti del giovane cuoco, noto su Canale 5, Gambero Rosso Chanel e Raidue. Rugiati è iscritto nel registro degli indagati con l’ipotesi d’accusa di diffamazione nei confronti dei titolari della pizzeria Stecca, dove ha sede il locale “Sushi su”. «Il video è stato sequestrato e nessuno potrà più vederlo. Il pubblico ministero Baccaglini valuterà la gravità della diffamazione del cuoco nei confronti dei miei clienti», afferma l’avvocato Massimo Munari, legale di titolari, Massimiliano Liggieri e Michela Stecca.



Nell’ordinanza di sequestro il giudice Fino afferma che non è stato espresso il diritto di critica. Ma il filmato contiene «affermazioni altamente denigratorie (riguardanti non solo la qualità del cibo, ma anche il pericolo di intossicazione) e false; lo stesso Rugiati avrebbe affermato di non aver assaggiato il piatto servitogli; risulta agli atti documentazione inerente l’acquisto di pesce fresco; vi sono dichiarazioni rese dal cuoco e da uno dei clienti che la stessa sera consumava il medesimo piatto commentato negativamente dall’indagato, che per la preparazione era stato usato pesce fresco», si legge nell’ordinanza.

Lo stesso gip ritiene «elevata l’offesa del fatto, a danno di persone che esercitano come lavoro l’attività di ristorazione, da parte di una persona di mestiere, nota anche per partecipazioni televisive, circostanza che rende maggiormente credibili le sue affermazioni, e dunque più severa la lesione della reputazione altrui, e che comporta una vastissima diffusione del video diffamante».
Domenica 10 Settembre 2017, 18:14 - Ultimo aggiornamento: 10-09-2017 19:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-11 07:34:51
Apprma ti danno il pesce in scatola e a finale quando li sgamano ci banno le sciarpe astrette e chiamano gli avvocati sti ridicoli che penzano solo a fare sordi

QUICKMAP