Trovato con 60 grammi di marijuana: «La uso per meditare». E viene assolto

  • 416
«Ne ho bisogno di meditare». Così un tabaccaio 30enne di Toritto, comune di Bari, in Puglia, si era giustificato dopo essere stato trovato con 60 grammi di marijuana. L'uomo è stato arrestato nel 2016 e durante il processo davanti al giudice del Tribunale di Bari, dichiarò di essere «cultore della religione rastafariana».

Un culto che a suo dire prevede tra i precetti precetti l'utilizzo della marijuana come erba meditativa, di supporto alla preghiera, per raggiuggere la saggezza. Non contento, il 30enne  ha anche spiegato di aver allestito in casa sua una stanza per la meditazione, con tanto di giradischi con cui ascolta e musica «rasta» e fuma per meditare.

Nei suoi confronti la procura di Bari aveva chiesto la condanna a un anno e quattro mesi. Ma è stato assolto, le motivazioni della decisione saranno note tra novanta giorni.
Domenica 17 Settembre 2017, 20:05 - Ultimo aggiornamento: 17-09-2017 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP