De Laurentiis al veleno: «Dedico vittoria
a Cellino, Nainggolan e Astori»|Vd
Il belga: «Io al Napoli? Direi proprio di

A+ A- Stampa
Subito dopo la fine della partita velenoso tweet del presidente De Laurentiis: «Questa vittoria la dedico a Cellino, Astori e Nainggolan». Probabile riferimento all'impegno messo in campo dal Cagliari al San Paolo. Astori e Nainggolan sono due giocatori seguiti, anche attualmente, dal Napoli.

«Venire al Napoli? Se il presidente De Laurentiis scrive così direi di no».
Lo ha detto Radja Nainggolan nel dopopartita di Napoli-Cagliari. Il centrocampista è stato a lungo nel mirino del Napoli nel mercato di gennaio e potrebbe essere un obiettivo anche nella prossima estate. Ai cronisti che gli chiedevano se gli piacerebbe venire a giocare al Napoli, Nainggolan ha fatto riferimento al tweet di De Laurentiis e ha risposto: «Se il presidente scrive certe cose direi di no. Sembra che ci prenda in giro».




Il video. «Partita fantastica, emozionante. Segna Insigne, segna Napoli il gol più importante degli ultimi due mesi». Così Aurelio De Laurentiis in un video sul suo profilo Twitter. De Laurentiis ha proseguito la sua polemica con il presidente del Cagliari: «Questo gol significa vincere una partita molto complessa, molto ostile. Con Cellino abbiamo sempre avuto grandi problemi. Una squadra ben organizzata, che nell'ultimo trimestre ha dato segni di grandi vitalità, però Insigne l'ha portata in porto».

Secca replica del Cagliari al presidente. La società rossoblù, sul suo sito Internet, afferma che «da De Laurentiis si sarebbe aspettato maggior buon gusto, qualità che evidentemente non appartiene al presidente partenopeo». Chiamato in causa, il centrocampista belga Radja Nainggolan ha subito risposto, sempre su Twitter: «Che fa ci prende in giro?». E sui social network si è scatenata la rabbia dei tifosi rossoblù, dopo la sconfitta-beffa al 94' (con due gol subiti su episodi dubbi) con centinaia di commenti contro il presidente del Napoli.

VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

domenica 21 aprile 2013 - 17:33   Ultimo aggiornamento: giovedì 1 gennaio 1970
 
Indietro
Avanti