Google, ira per il manifesto sessista di un dipendente. La compagnia: «Non rappresenta il nostro punto di vista»

Il divario di genere nel mondo della tecnologia non è frutto del sessismo endemico alla Silicon Valley, centro nevralgico dell'universo hi-tech. Ma il risultato delle differenze biologiche tra uomini e donne. È quanto sostiene un dipendente di Google in un manifesto diventato virale in queste ore, diffuso prima all'interno della compagnia e poi tra i siti di tecnologia che hanno ripreso la notizia.

Un documento che ha scatenato dure reazioni tra le quote rosa, e non solo, che lavorano nel settore. Big G, però, precisa che quanto scritto «non rappresenta il punto di vista dell'azienda».

 
Domenica 6 Agosto 2017, 19:10 - Ultimo aggiornamento: 07-08-2017 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP