Il dinosauro più grande? È il Titanosauro Patagonico

Al suo cospetto il Tyrannosaurus rex impallidisce. Alto come un edificio a sette piani, lungo oltre 40 metri e pesante più di 70 tonnellate, il Patagotitan mayorum si è aggiudicato il titolo di dinosauro più grande del mondo scalzando il primato all'Argentinosaurus. Che fino a qualche tempo fa veniva considerato il più grande mai esistito. Lo scheletro del gigantesco sauropode è stato ricostruito nel Museo Egidio Feruglio, di Trelew, in Patagonia. Ed è proprio a 250 chilometri da qui che un contadino, Aurelio Hernandez, nel 2012 si è imbattuto per primo in un osso di quello che è stato battezzatto il Titano Patagonico.

 


Eppure il gigante non era molto pericoloso per gli altri animali: era erbivoro e anche parecchio lento perché obbligato a camminare con il lungo e pesante collo parallelo al terreno, pur di garantirsi dei pasti sufficienti ad alimentarne la mole.

Ma le dimensioni hanno lasciato a bocca aperta gli studiosi, considerando che vederlo accanto a un T.rex equivaleva probabilmente ad avvistare oggi un elefante accostato a un leone, chiarisce uno dei ricercatori intervistato dal Time. Inoltre, non si esclude che ne siano esistiti di misure maggiori, sostiene Kristi Curry Rodgers, paleontologa del Macalester College. Infatti, le ossa del Titanosauro a noi arrivato sembrano mostrare i segni di una crescita non definitiva. Un altro mistero rimangono le motivazioni di tale corporatura mastodontica. I ricercatori sono al lavoro per scoprirlo.
Venerdì 11 Agosto 2017, 22:02 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2017 22:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP