Mattina di paura sul fiume Calore: cede il parapetto, ferito 16enne

Cede una parte di un muro realizzato di recente lungo la rampa diaccesso alla passeggiata sul fiume Calore in via Grimoaldo Re. Ilbilancio è di un sedicenne ferito anche se in modo lieve auna gamba e al piede sinistro. Il Comune ha fatto partire una seriedi accertamenti per verificare le cause del crollo del muro pereventuali contestazioni a chi lo ha realizzato. È accadutol'altra notte poco prima della mezzanotte. Un gruppo di giovanisostavano in via Grimoaldo Re a pochi metri da una sala giochi euna birreria. All'improvviso, per cause in corso diaccertamento, è crollata parte del muro perun'estensione di poco più di mezzo metro, sufficienteperò a far finire sulla gamba del minorenne diversi mattoni.Sono stati gli altri giovani a prestare i primi soccorsi. Subitoè stato lanciato l'allarme e sul posto sono giuntiun'ambulanza del 118, i vigili del fuoco e gli agenti dellaquestura a bordo di una volante.

Il sedicenne una volta liberato dai mattoni è statotrasportato al pronto soccorso dell'ospedale«Fatebenefratelli. Qui è rimasto ricoverato perl'intera notte in attesa di accertamenti radiologici nelladivisione di ortopedia. Ieri mattina il giovane è statodimesso con una prognosi di pochi giorni.

Gli uffici comunali avvertiti sin dalla notte hanno provveduto abloccare l'accesso alla rampa. Ieri mattina sono stati inviatisul posto due addetti dell'ufficio tecnico per redigere unarelazione sull'accaduto. «Sin dalle prime ore siamointervenuti - dice l'assessore comunale alle opere pubblicheMario Pasquariello - ho chiesto ai tecnici di redigere unarelazione sull'accaduto. In particolare per stabilire le causedell'improvviso crollo tenuto conto che si tratta di opere direcente costruzione. Un opera che era stata aggiudicataall'impresa Cioffi e Company di Salerno, mentre l'impresasubappaltatrice è quella dei Fratelli Mastrocinque diFoglianise. Se emergeranno delle carenze il Comuneprovvederà a fare delle contestazioni alle ditte che hannorealizzato l'opera».

Leggi l'articolo completo su Il Mattino
Outbrain