Addio a Francesco Lucarelli intellettuale e giurista napoletano

È morto Francesco Lucarelli, 81 anni, intellettuale, giurista e studioso di primo piano. Professore ordinario all'Università di Napoli Federico ed esperto in diritto privato: è stato preside della facoltà di economia dell'ateneo, dal 1975 al 1993, consulente Unesco per la difesa del patrimonio storico e artistico mondiale. La famiglia ha comunicato il lutto a tumulazione avvenuta.

Lucarelli (padre del giornalista Ottavio, presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Campania e del professore Alberto, docente di Diritto Costituzionale all'Università «Federico II») è stato anche assessore all'Edilizia privata del Comune di Napoli, dal 1980 al 1982, nella giunta presieduta da Maurizio Valenzi. Ha lavorato anche per far inserire il centro storico di Napoli nel patrimonio mondiale dell'Unesco.

«Francesco Lucarelli è stato un grande protagonista della vita pubblica napoletana. Accademico di grande prestigio, ha formato nella Federico II generazioni di giuristi. Il suo illuminato contributo si è evidenziato anche negli impegno istituzionale che ha sempre esercitato con grande lungimiranza e competenza. L'Ateneo, manifestando la sua vicinanza a Ottavio e Alberto, lo ricorderà con un'iniziativa pubblica nel mese di ottobre».È il messaggio di Gaetano Manfredi, rettore dell'Università degli studi di Napoli Federico II.

«Condoglianze mie personali e dell'amministrazione comunale di Napoli alla famiglia per la scomparsa dell'emerito prof. Francesco Lucarelli, già preside della Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Napoli. Un forte abbraccio, in particolare, ai figli Alberto, professore di diritto costituzionale e già assessore al Comune di Napoli, ed Ottavio, presidente dell'ordine dei giornalisti di Napoli». È il messaggio di cordoglio del sindaco Luigi de Magistris. Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Sentenza Ruby-ter: chiesti 4 anni per Berlusconi, giudici ora in camera di consiglio
Giunta Manfredi, spunta Baretta come assessore al bilancio
Berlusconi e Draghi al Quirinale: «Ottimo ma come premier più utile»
«Draghi come Battisti». è bufera sul post della garante dei detenuti
Manfredi rilancia il patto per Napoli: «Ci serve il sostegno dello Stato»