Napoli, focolaio nel centro scoliosi di Miano: ​stop attività, test a tutti i dipendenti

È frutto dei tamponi di screening - quelli consentiti dal 3 settembre scorso dall’unità di crisi regionale anche nell’ambito delle aziende private...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito IlMattino.it

dai tuoi dispositivi e le tue app

OFFERTA LIMITATA

11,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

Oppure

1 € per 1 MESE

È frutto dei tamponi di screening - quelli consentiti dal 3 settembre scorso dall’unità di crisi regionale anche nell’ambito delle aziende private rivolgendosi a laboratori privati e su richiesta dei medici del lavoro (medici competenti) - l’identificazione di una ventina di casi positivi al Coronavirus (tutti asintomatici) tra gli operatori dipendenti del Centro Scoliosi di Miano. Ad essere interessato è un singolo reparto. La struttura, che esegue ogni mese esami sierologici sui dipendenti, ha individuato alcuni positivi e su richiesta del medico competente sottoposto a tampone i dipendenti. All’esito dei primi tamponi positivi e in attesa del responso di quello praticato su tutti gli operatori dipendenti e consulenti, ha sospeso le attività in piena collaborazione con gli uffici epidemiologici della Asl sia per provvedere alla completa sanificazione dei locali (che vengono comunque sanificati al termine di ogni sessione di cura) sia per completare i controlli. I soggetti positivi sono consegnati in quarantena.

LEGGI ANCHE Covid, boom di casi nel Regno Unito. Madrid si prepara a nuovo lockdown. Francia record con 13mila nuovi casi

Già dall’inizio della prossima settimana il centro riaprirà i battenti e continuerà in sicurezza le attività di riabilitazione e fisioterapia svolte in accreditamento con il Servizio sanitario regionale. Il personale in quarantena sarà rimesso in servizio solo alla negativizzazione al virus con l’evidenza di due tamponi consecutivi effettuati a distanza di 24 ore entrambi negativi. Una procedura di sicurezza messa in atto in tutte le strutture sanitarie pubbliche e private campane in cui si individuino casi, tra personale e degenti, ai test e controlli di screening.

LEGGI ANCHE Covid, ricostruito focolaio sull'aereo da Londra a Hanoi: ecco come il virus si trasmette sui voli

«Sono procedure e circostanze che si possono definire normali nella attuale fase di convivenza con il virus - fanno sapere dalla Asl Napoli 1 - stiamo effettuando indagini epidemiologiche approfondite insieme al fine di individuare i contatti stretti e procedere alle azioni di tracciamento». Tutte azioni tese dunque ad evitare che il virus scorra sottotraccia alimentando contagi asintomatici fino a colpire persone suscettibili. «Facciamo gli screening compreso il sierologico ogni mese a tutto il nostro personale - avverte Maurizio Volpicelli, tra i dirigenti della struttura - siamo impegnati a sottoporre a tampone tutto il personale. All’esito di questa operazione riapriremo in sicurezza. Si tratta di una sospensione momentanea come accade nei pronto soccorso pubblici o nei reparti degli ospedali. I positivi sono asintomatici e averli individuati è la prova della funzionalità ed efficacia dei controlli che abbiamo messo in atto. Anche per il tracciamento dei contatti dei positivi stiamo collaborando attivamente con gli uffici della Asl».
 


La possibilità di effettuare tamponi in laboratori privati mira a potenziare le attività di contact tracing, ad aumentare la sorveglianza sanitaria e a garantire le aziende private, del tessuto produttivo regionale, nella possibilità di accedere rapidamente ai test molecolari di screening dei propri dipendenti. Resta invece, per ora, preclusa la facoltà di effettuare un tampone in centri privati da parte di cittadini che ritengano di doverlo fare pagando di tasca propria. «Se la norma concedesse anche ai privati di rivolgersi a laboratori attrezzati - dice Arturo Improta, titolare dei centri Medicina Futura - se ne gioverebbe l’intero impianto epidemiologico regionale senza costi ulteriori per le casse pubbliche». 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Hooligans, camorristi e neofascisti: chi erano gli infiltrati nel corteo
Napoli, nuovi scontri in piazza a Chiaia: bombe carta e lancio di bottiglie
Napoli, due arresti e 4 militari feriti Il Viminale: «Sono azioni preordinate»
Roma, bombe carta e disordini alla protesta dell'estrema destra La polizia disperde i manifestanti
De Luca, dietrofront sul lockdown «Ma le scuole restano chiuse»