Covid, lo studio del Ceinge di Napoli: «In Italia casi di sottovariante inglese». Gli esperti: a rischio anche i vaccinati con bassa risposta anticorpale

È presente anche in Italia, con soli 9 casi identificati fra settembre e ottobre, la nuova variante AY.4.2, derivata dalla Delta e indicata con la sigla B.1.617.2.4.2. Lo indicano delle sequenze genetiche contenute dalla banca dati internazionale Gisaid, analizzate dagli esperti del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli. Complessivamente sono state finora depositate 1.860 sequenze della variante AY.4.2. Di queste, la maggior parte proviene dalla Gran Bretagna e le rimanenti sono distribuite, anche se con piccoli numeri, in una decina di Paesi europei fra i quali l'Italia.

«È un possibile esempio, ma va dimostrato, di come il virus AY.4.2. provi a sfuggire ai vaccini con tutto il suo carico mutazionale», osserva il genetista Massimo Zollo, dell'Università Federico II di Napoli e coordinatore della Task force Covid-19 del Ceinge. «Se l'ipotesi dovesse essere confermata, la situazione epidemiologica potrebbe peggiorare nel caso in cui dovesse restare ancore elevato il numero delle persone non vaccinate. Potrebbero essere colpite anche le persone già vaccinate con una risposta anticorpale bassa o assente».

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Pestata a sangue dai vicini: aveva “osato” protestare per lavori abusivi nel palazzo
Allarme Covid, De Luca e Manfredi divisi: a rischio il Capodanno in piazza a Napoli
Covid Campania, 899 casi e 3 morti: l'indice di contagio scende al 2,99%
Nuova variante Sudafrica, il nome è “Omicron”. Oms: preoccupante
Oggi 13.686 contagi e 51 morti, Lombardia e Veneto oltre 2000 casi